Programma il tuo viaggio

Cosa vedere in Abruzzo in 3 giorni: i consigli

Se stai progettando il tuo prossimo viaggio questo articolo fa per te: scopriamo insieme cosa vedere in Abruzzo in 3 giorni.

L’Italia è una nazione colma di meravigliosi paesaggi naturali e piccole zone naturali nascoste. Per questo motivo vi suggeriamo di visitare l’Abruzzo, regione che sorprende per la sua incredibile varietà di paesaggi e attrazioni. Ecco i nostri consigli su cosa vedere in Abruzzo in 3 giorni.

Cosa vedere in Abruzzo in 3 giorni: i consigli

Giorno 1: L’Aquila

Il primo luogo da visitare in Abruzzo è il suo capoluogo. L’Aquila è una città storica, fondata nel XIII secolo e nota per la sua architettura medievale e rinascimentale. Il principale luogo di attrazione è la Basilica di Collemaggio, costruita nel XIII secolo e considerata la massima espressione dell’architettura abruzzese.

Dopodichè potete dirigervi verso la Basilica di San Bernardino, uno dei capolavori del Rinascimento abruzzese e che presenta un particolare soffitto di legno e oro.

Merita una visita anche la Fontana delle 99 Cannelle, un’affascinante fontana storica che rappresenta le origini della città.

Se visitate l’Aquila è impossibile perdersi il Castello Cinquecentesco, dove potete ammirare le collezioni d’arte e i tantissimi reperti che narrano la storia e la tradizione dell’intera regione. Dopo la visita al castello, perdetevi tra le strade del centro storico, dove potrete scoprire botteghe artigiane, caffè accoglienti e piazze pittoresche come Piazza Duomo.

A contornare la visita alla capitale un viaggio tra i sapori della tradizione. Non può mancare una cena in uno dei ristoranti tipici abruzzesi, in cui assaggiare piatti come gli arrosticini, la chitarra con pallottine e il celebre agnello cacio e ova. Dopo cena, godetevi una passeggiata serale per ammirare la città illuminata.

Giorno 2: Il Gran Sasso e Matera

Per iniziare al meglio la seconda giornata in Abruzzo l’opzione migliore è visitare il Parco Nazionale del Gran Sasso, che si trova al confine fra le province dell’Aquila, di Teramo e di Pescara. All’interno del Parco il territorio è in gran parte montano, con più di venti vette che superano i 2000 metri di altitudine, ed è caratterizzato dalla presenza di tre gruppi montuosi: i Monti Gemelli, i Monti della Laga e la catena del Gran Sasso d’Italia.

Dal punto di vista della vegetazione, il Parco vanta più di 2000 specie di piante che vivono nei diversi ambienti, mentre per quanto riguarda la fauna qui si trovano camosci d’Abruzzo, cervi, caprioli e il lupo appenninico, ma anche molti rapaci rari come l’aquila reale, il gufo reale e il falco pellegrino. Qui potrete visitare punte meravigliose, come Campo Imperatore e la salita al Corno Grande, la vetta più alta degli Appennini.

Per il pomeriggio la meta scelta è Teramo, in cui potrete visitare almeno i luoghi d’attrazione principali. Tra questi rientra sicuramente il Duomo ovvero la Cattedrale di Santa Maria Assunta, risalente al XII secolo, che conserva diversi capolavori artistici, dei quali ricordiamo il paliotto d’argento di Nicola da Guardiagrele. Se siete di passaggio, vi conviene spostarvi verso i resti dell’Anfiteatro Romano, risalente al I secolo d.C..

Infine, risulta molto interessante anche il Borgo medievale di Teramo. Si tratta di un complesso di edifici ottocenteschi, realizzati sul colle di San Venanzio, che sono stati fusi tra loro per creare un’unica struttura in cui si mescolano diversi stili architettonici e artistici.

Giorno 3: alla scoperta dei borghi abruzzesi

Per il terzo giorno, invece, vi consigliamo dei borghi perfetti per immergervi nella storia e nella tradizione.

La Costa dei Trabocchi

Lungo questo tratto di costa troverete tantissimi trabocchi, oltre a meravigliosi panorami mozzafiato. In aggiunta a un meraviglioso percorso a piedi, è presente una strada ciclopedonale, ideale per vedere tutta la costa, riuscendo a scoprire tutte le zone più belle: Belvedere San Pietro e Belvedere Madonna delle Grazie; la riserva naturale di Punta Aderci e Fossacesia; Ortona.

Scanno

Annoverato i borghi più belli d’Italia, Scanno è un piccolo paese noto e amato per il suo centro storico molto particolare. La sua caratteristica principale sono le scalinate che si aprono verso viette e piccoli vicoli nascosti, ottimi per delle foto originali.

A proposito di piazzette, uno dei punti storici di Scanno è la famosissima via dei Fotografi, che è colma di piazzette e palazzi e offre un panorama mozzafiato. Prima di andare via concedetevi una visita al lago di Scanno, partendo a piedi dal centro storico. Questo vi consentirà di ammirare tutta la valle e di percorrere il Sentiero del Cuore, fino ad arrivare al lago nella sua iconica forma a cuore.

Santo Stefano di Sessanio

Questo borgo è molto celebre per le lenticchie, oltre allo zafferano prodotto nell’altopiano di Navelli. Esso fa parte della lista dei borghi più belli d’Italia ed ha come dettaglio principale le caratteristiche casette che fanno da cornice ad una chiesetta, la chiesa della Madonna del Lago, che si trova poco fuori dal centro abitato, edificata sulle rive del piccolo lago che prende il nome del borgo stesso.

Noi vi abbiamo consigliato cosa vedere in Abruzzo in 3 giorni, ora sta a voi prenotare il vostro viaggio!

Scritto da Redazione Viaggiamo

Lascia un commento

No time to die: location dove è stato girato

Amsterdam: il periodo migiore per visitarla

Leggi anche
Contentsads.com