Notizie.it logo

Cuba: cosa vedere, cosa fare e cosa mangiare

Cuba

Cuba da sempre è una meta gettonata da turisti di tutto il mondo, sia per le bellezze naturali, sia per la sua storia così unica e particolare.

Cuba da sempre è una meta gettonata da turisti di tutto il mondo, sia per le bellezze naturali, sia per la sua storia così unica e particolare. Noi vi guideremo alla scoperta di Cuba, con informazioni sui luoghi da visitare, le escursioni da fare ed i punti migliori in cui fare immersioni e snorkeling. Inoltre, informazioni sulle pietanze più famose di Cuba e consigli di acquisto sulla migliore guida per vivere al massimo l’esperienza cubana.

Cuba

Quando si parla di Repubblica di Cuba, non bisogna pensare ad una sola isola, bensì ad un arcipelago di circa 1600 isole più o meno estese, che circondano l’isola principale. Essendo situata nell’arcipelago dei Caraibi, Cuba risulta essere la sua isola più grande. Gli Stati Uniti distano da Cuba solamente 180 km, separati a nord dallo Stretto di Florida. Inoltre, Cuba confina ad ovest con il canale dello Yucatán, a sud con il Mar dei Caraibi e ad est con il canale Sopravento.

La Repubblica di Cuba, quindi, amministra tutto l’arcipelago di isole, ad eccezione della Baia di Guantanamo, famosa base navale americana. Il suo territorio è prevalentemente pianeggiante, con un’ampia varietà di paesaggi marini: è possibile ammirare la costiera rocciosa, la costiera alta con dirupi, e la classica costa formata da una immensa distesa di spiagge.

E’ possibile ammirare, per gli amanti delle immersioni e dello snorkeling, la barriera corallina, che si estende all’esterno dell’arcipelago di Camagüey. Inoltre, troviamo profonde insenature di eccezionale bellezza, divenute porti commerciali famosissimi, come quello di L’Avana, o di Santiago di Cuba. Grazie alla forma allungata dell’isola sull’asse est-ovest, non esiste una reale differenza di latitudine tra le due estremità nord e sud dell’isola; per questo motivo, l’isola ha un clima uniforme nelle varie zone, caratterizzato dagli Alisei che soffiano costanti dall’Oceano Atlantico. Cuba è caratterizzata dal clima tropicale, che essenzialmente si divide in due stagioni: clima secco da novembre ad aprile e clima umido da maggio a ottobre.

Nel periodo estivo, ovviamente, si registrano abbondanti ed intense piogge; inoltre, sempre durante la stagione estiva, ed in particolare tra settembre ed ottobre, possono abbattersi su Cuba dei violenti uragani, causando gravi danni al territorio ed alla popolazione.

Varadero Cuba

Chiamata anche “Playa Azul”, ovvero spiaggia azzurra, Varassero è una delle mete più famose di tutta l’isola ed una delle spiagge più ampie di Cuba. La località turistica di Varadero è situata sulla Penisola di Hicacos, che si trova all’estremo est della Via Blanca, ed è separata da Cuba dal Canale Kawama; questa fascia di terra è larga solamente 1,2 km, ma ha ben 22 km di spiagge che declinano dolcemente verso il mare; si trova a circa 30 minuti di auto dall’Aeropuerto Juan Gualberto Gomez ed a circa 2 ore dalla capitale L’Avana.

Qui, negli ultimi decenni, sono stati costruiti lussuosi hotel ai piedi della spiaggia da parte delle più note catene alberghiere del mondo, per questo Varadero risulta il luogo ideale per chi cerca riposo e relax; ma, famosa per i fiumi di cocktail e per la movimentata vita notturna, Varadero viene scelta anche da chi desidera divertimento.

Inoltre, la località offre anche una vasta gamma di attività sportive, specialmente le immersioni, poiché è possibile ammirare una copiosa varietà di pesci, coralli e molluschi. Per chi non è esperto ed amante delle immersioni, a Varadero potrà effettuare bellissime passeggiate a cavallo o in bicicletta, oltre chiaramente a godersi il sole e l’acqua cristallina delle bellissime spiagge.

Cayo Largo Cuba

Caco Largo è una piccola isola a circa 200 km a sud della capitale L’Avana; il nome è dato dalla sua forma allungata e venne scoperta da Cristoforo Colombo nel suo secondo viaggio di esplorazione del 1494. Nonostante le sue dimensioni, ovvero lunga poco meno di 25 km e larga circa 3 km, quest’isola offre ben 27 km costieri di sabbia bianchissima e fine. Facente parte dell’area soprannominata Los Jardines de la Reina, quest’isola affascina per la fauna selvatica e per lo scarso impatto umano subito, infatti si potranno facilmente osservare pellicani ed aironi, oltre ad iguane e tartarughe marine.

Qui, a soli 35 m di profondità, potrete ammirare la barriera corallina lunga 19 miglia nautiche, per questo l’isola è meta gettonata per gli amanti di immersioni e snorkeling.

Le spiagge più famose sono la Playa Sirena e la Playa Paraiso, entrambe situate nella parte occidentale dell’isola e caratterizzate da una sabbia fine e bianchissima. Plaza Paraiso nel 2015 è stata inserita dal TripAdvisor Travelers tra le 10 più belle spiagge del mondo. Interessante è anche una visita alla Cueva de Punta del Este, chiamata anche “Cappella Sistina aborigena”, poiché è una grotta con pittogrammi storici. Cayo Largo è facilmente raggiungibile, poiché è presente un aeroporto locale, servito anche da voli internazionali.

Havana

La Provincia dell’Avana è la più popolata dell’isola, nonostante sia anche tra le più piccole di Cuba. La città de L’Avana è ovviamente una delle mete più gettonate di turisti da tutto il mondo, non solo cubano ma di tutta l’America Latina. Ci sono luoghi della città che risultano talmente affascinati, da non poter essere persi. Innanzitutto, passeggiare per il suggestivo Malecón per ammirare lo splendido lungomare e vivere appieno la vita notturna che si anima in questa zona della città.

Esplorare la Habana Vieja.

Quattro meravigliose piazze la contraddistinguono, una passeggiata piacevole vi condurrà alla scoperta di questo quartiere, con Plaza de Armas ed il suo mercatino di libri usati; Plaza Vieja, con i suoi palazzi ristrutturati ed i negozi di marche famose; Plaza de San Francisco de Asís, vicina al porto e al museo del Ron e Plaza de la Catedral, con la sua architettura barocca e la stupenda e imponente cattedrale. Il quartiere, riconosciuto Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, regala anche zona non restaurata, in cui i bambini giocano a calcio in mezzo alla strada e gli adulti si ritrovano a giocare a domino agli angoli delle vie.

Passeggiare per il Centro Habana. Il quartiere che profuma di Rivoluzione grazie al Museo de la Revolución, in cui, stanza dopo stanza, respirerete i passi di un cambiamento. Infine, per ammirare L’Avana dall’alto, i consiglio è quello di salire sulla terrazza panoramica dell’Hotel Inglaterra, l’albergo più antico della città.

Plaza de la Revolución. Una piazza degli anni ’20 con edifici dai colori spenti è la sede del governo cubano; qui troverete i famosi murales del Che e di Cienfuegos, e potrete imbattervi nei maggiori comizi politici e nelle manifestazioni della festa del 1 maggio.

Santiago de Cuba

Con i suoi circa mezzo milione di abitanti, Santiago è la seconda città più popolata di Cuba ed anche una delle più antiche di tutta l’isola; infatti essa, prima dell’Avana, è stata anche capitale del territorio. È particolarmente famosa per la sua vivacità culturale, soprattutto per quanto riguarda la musica, in quanto ospita vari festival di musica cubana. L’importanza dal punto di vista musicale è testimoniata dal fatto che questa località viene riconosciuta come la culla di generi come il son ed il bolero latino americano; questa creatività pare sia dovuta alla forte componente afroamericana della popolazione. Altre manifestazioni culturali potrete incontrarle nel periodo di carnevale, che cade attorno alla metà del mese di luglio. Santiago di Cuba è dotata di aeroporto internazionale, l’Antonio Maceo, intitolato all’eroe della guerra di liberazione contro gli spagnoli.

Barrio de Cuba

Barrio de Cuba è il forum specializzato su Cuba, in cui troverete esperienze, pensieri ed avventure di chi conosce l’Isola da vicino. Il Barrio è suddiviso in quattro categorie: “come organizzare il viaggio”, “I temi del Barrio”, in cui sono raggruppati aspetti di vario genere, come la burocrazia, la cultura e lo sport, la terza sezione elenca le province cubane con consigli su hotel, paladar, spiagge e divertimenti, mentre l’ultima sezione è “Voci fuori dal Barrio”, in cui troverete dettagli piccanti per chi cerca avventura nell’Isla Grande. Le sezioni maggiormente dibattute dagli oltre 1700 utenti registrati sono quelle relative alla parte burocratica, alle telecomunicazioni ed al sistema doganale, tutti inseriti nella seconda categoria. La bellezza del forum Barrio de Cuba è che, essendo in continuo divenire di esperienze e vicessitudini, riproduce alla perfezione lo specchio della realtà cubana, ricordando quell’inconfondibile spirito mutualistico che anima i barrios di Cuba.

Santa Clara

Centro di commercio e snodo di trasporti stradali e ferroviari, a Santa Clara l’attività principale fino al XIX secolo fu l’allevamento, soppiantato poi dalla coltivazione della canna da zucchero, mentre oggi la lavorazione e la commercializzazione del tabacco è l’ attività principale. Santa Clara meta di turismo soprattutto per il mausoleo di Che Guevara, che si presenta costituito da 2 due parti: la prima area ospita, dal 1997, la tomba di Ernesto Guevara, oltre a quelle di sei suoi compagni caduti in Bolivia e di 14 combattenti caduti in Guatemala. La seconda parte del mausoleo, invece, è dedicata ad un “fotocronistoria” della vita di Che Guevara, con reperti già della prima infanzia, oltre ad oggetti di proprietà del Che riguardanti la sua attività come medico nel sud di Cuba all’epoca dello sbarco con Fidel Castro, nel 1956.

Cosa fare

Vista la bellezza dei luoghi e della natura, sono tante le attività che potrete vivere nel vostro viaggio a Cuba, e noi vi aiutiamo a scegliere le migliori per i vostri gusti.

Immersioni

Sull’isola di Cuba troverete una delle più alte concentrazioni di centri di pesca d’altura e di immersioni di tutti i Caraibi, grazie alla buona visibilità dei suoi fondali ed alle acque quasi sempre calme. Spesso le strutture, attrezzate con camera iperbarica, ricarica bombole e laboratori per la preparazione delle esche, sono all’interno di hotel e resort. È consigliabile affidarsi a un tour operator specializzato per pianificare al meglio e in sicurezza il viaggio.
Guardalavaca. Nella vicina Playa de Guardalavaca, sotto la provincia dell’Holguín, il Diving Coral Reef è dotato di quattro compressori Bauer e propone 22 punti di immersione tra cui i Giardini di Corallo e la Grotta delle Spugne, mettendo a disposizione ben cinque istruttori, che conoscono anche la lingua italiana.

Marea del Portillo. Il Diving Albacora si trova nella parte orientale della regione di Granma. Le uscite del centro di immersioni cercano di intercettare alcune colonie di lamantini, grandi mammiferi acquatici che appartengono alla famiglia dei trichechi che hanno trovato in questa parte dell’isola il loro habitat ideale. Cienfuegos. A 18 km da Cienfuegos, il centro Diving Faro Luna è situato presso l’omonimo hotel Faro Luna. Tra i punti di immersioni di maggior rilievo ci sono i sei relitti di navi adagiate sulla barriera corallina.

Escursioni

La prima escursione che vi consigliamo è quella a L’Avana, all’insegna del tabacco e del rum: visita ad un laboratorio artigianale di sigari in cui potrete osservare tutto il processo di lavorazione; visita al Museo del Rum per conoscerne l’origine e lo sviluppo delle tecniche di produzione, ed infine, visita alla statua del Cristo dell’Avana che domina l’entrata della città.

Cuba resiste, il libro su Cuba immancabile in ogni libreria. Consigliato da leggere prima di andare o appena tornati per rivivere quest’isola meravigliosa:

Un altra escursione da non perdere è il cammino di Hemingway: visita guidata al Museo dedicato ad Hemingway a San Francisco de Paula e della residenza di Hemingway; spostamento nella località di Cojimar, una comunità di pescatori con i quali Hemingway ha condiviso le sue battute di pesca nonché la celebrazione del Premio Pulitzer nel 1953; cisita alla Bodeguita del Medio ed al Floridita, i famosi bar frequentati da Hemingway. Jurassic Island è un’altra splendida escursione consigliata, della durata di mezza giornata, che avviene sull’Isola delle iguane; giunti all’isola, potrete praticare snorkeling sulla barriera corallina e fare uno splendido tuffo nelle acque cristalline del “quinto canale”, le piscine naturali, per poi sdraiarvi sulla bianchissima spiaggia sorseggiando un drink.

Snorkeling

gli amanti dello snorkeling ameranno possibilità che Cuba regalerà, grazie agli avvistamenti delle innumerevoli varietà di specie che caratterizza quest’area dei Caraibi. Se amate gli incontri ravvicinati, sicuramente, gli spot più indicati sono quelli lungo la barriera corallina. Un buon punto di partenza è a Camaguey, Playa Santa Lucia dove sarà possibile fare immersioni o snorkeling anche nei pressi di relitti di navi. Un altro buon punto di partenza è Vardadero, partendo da El Neptuno, oppure consigliata è anche, sempre vicino Varassero, un’immersione nel parco sottomarino di Cayo Piedras del Norte.

Cosa mangiare

La cucina cubana è molto ricca e saporita, normalmente costituita da piatti unici a base di riso, mais, fagioli e carne di maiale. Chiaramente, ottimo anche il pesce, sempre fresco, soprattutto la prelibata aragosta non può non essere assaggiata.

“Moros y Cristianos”

Moros y Cristianos è il piatto nazionale di Cuba, anche se è una pietanza a base di molto diffusa nell’area caraibica e in Sudamerica, acquistando nomi diversi a seconda dei paesi: Gallo pinto in Nicaragua e Costa Rica, Hoppin’ John nel sud degli Stati Uniti e Pabellón criollo in Venezuela.Il nome è legato al periodo storico della Reconquista spagnola: i fagioli sono i moros, ovvero i mori, mentre il riso rappresenta i cristianos, i cristiani bianchi spagnoli. Di norma, la pietanza è costituita da riso bollito e fagioli, ma spesso viene insaporita con aglio, cipolla, alloro e pepe si usa accompagnarla con pollo o carne di maiale ed una salsa piccante detta mojo.

Yucca

La yuca, o yucca, o manioca, è uno dei tipici prodotti di Cuba, poiché, essendo resistente all’alta temperatura ed alla siccità, è una pianta che normalmente viene coltivata in tutta la zona caraibica. E’ una pianta simile alla patata, ma di colore bianco, con radici molto lunghe e spesse ed un tronco che può arrivare fino ai 2-3- metri. Questa pianta viene normalmente utilizzata nella cucina cubana, poiché, grattugiandone la polpa e separandola dal succo, diventa la base di un pane simile alle tortillas messicane; questo tipico pane viene accompagnato con salsa o carne fritta ed è consumato soprattutto nella parte orientale di Cuba. Sempre con la yucca vengono cucinati anche vari dessert casalinghi.

Mojito

Il mojito è uno dei cocktail più famosi al mondo, ma forse non tutti sanno che è di origine cubana; esso viene fatto unendo rum, zucchero di canna, succo di limetta, foglie di “hierba buena”, come viene chiamata a Cuba, ovvero mentastro verde, ed acqua gassata. Ma cosa significa il nome mojito? Ovviamente ci sono varie teorie, ovvero: per alcuni è da collegarsi al “mojo”, un condimento della cucina cubana a base di aglio ed agrumi, utilizzato per marinare, mentre per altri è la traduzione della parola spagnola mojadito, che vuol dire “umido”.

© Riproduzione riservata
Leggi anche