Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Notizie.it logo

Giamaica: cosa fare e vedere nello stato caraibico

Giamaica

Scopri la Giamaica e i suoi spettacolari paesaggi mozzafiato.

Benvenuti in Giamaica, il paese dei Caraibi che viene ricordato con una propria colonna sonora. Salta al suo ritmo singolare mentre esplori oltre le spiagge. Tutta la bellezza del mondo è racchiusa qui. Dall’alba gloriosa di ogni mattina fino a quando il mare inghiotte il sole di notte, la Giamaica presenta una magnifica tavolozza di colori. Un caleidoscopio di bellezza che rende l’isola il gioiello più prezioso dei Caraibi. Si tratta di una terra che propone esperienze uniche, attività coinvolgenti, paesaggi mozzafiato e persone cordiali e accoglienti. Nessun luogo sulla terra offre la gamma di attrazioni e la diversità culturale che può essere trovata qui. Certo nessun posto al mondo sembra così. Nessun posto sulla terra brilla come questo. La Giamaica infatti spesso viene ricordata con il motto: One Love.

Giamaica: territorio e cultura

Anche in una regione ricca di gioielli come i Caraibi, la Giamaica è un’isola potentemente bella. Inizia con acque cristalline che si riversano su giardini di corallo, lambendo morbide spiagge sabbiose.

Poi prosegue salendo su terreni rossi e rigogliose distese di banane in montagne a strapiombo. Le cascate precipitanti sembrano eruttare dal nulla. La cultura giamaicana può essere un argomento scoraggiante per gli stranieri, ma alla fine si tratta di apprezzare questo grande giardino verde di una terra e di come i suoi ritmi ciclici stabiliscano il ritmo di tanta vita sull’isola.

Giamaica: cosa fare

Mentre le spiagge della Giamaica sono certamente allettanti, questo è un paese in cui immergersi letteralmente e figurativamente. Sotto le onde ci sono ottime possibilità di immersione e snorkeling, e puoi anche galleggiare sull’acqua con pigre gite in zattera di bambù. Gli avventurosi possono andare in speleologia o indossare le loro scarpe da trekking per esplorare le remote falesie e le foreste di questo paesaggio accartocciato. Non hai nemmeno bisogno di essere in forma come Usain Bolt per goderti l’escursione attraverso montagne lussureggianti fino alla cima del Blue Mountain Peak.

Con Bob Marley, la Giamaica ci ha regalato la prima superstar globale del mondo in via di sviluppo.

Ma non balzò dal nulla: questa minuscola isola ha radici musicali che risalgono alle canzoni popolari dell’Africa occidentale. Queste terre trasmettono ritmi elettronici della dancehall contemporanea. In poche parole, la Giamaica è una potenza musicale, un fatto che si riflette non solo nel basso degli onnipresenti sistemi sonori, ma nel lirismo del linguaggio patois e dei suoni gospel delle numerose chiese dell’isola. La musica è vita in Giamaica e presto ti ritrovi a dondolarti.

Come molti altri aspetti della cultura giamaicana, il cibo è un creolo, nato da qualche parte tra il Vecchio e il Nuovo Mondo. Gli strofini delle spezie africane si sono evoluti in deliziosi cretini, mentre l’igname, il riso e la piantaggine sono alla base di ricchi stufati e il pesce abbondano nelle acque locali. La varietà di frutti tropicali è davvero sorprendente e sembra gocciolare dagli alberi, lavati con un colpo di rum. Puoi vedere (e assaggiare) come la storia culturale giamaicana conserva la sua voce originale adattandosi all’ambientazione e ovviamente ai ritmi dei Caraibi.

Giamaica: cosa vedere

Puoi vedere la Siviglia Great House.

Questo parco storico affacciato sul mare, a meno di 1 km a ovest dell’attuale St. Ann’s, segna il sito della prima capitale spagnola sull’isola – Sevilla la Nueva. Si tratta di uno dei primi insediamenti spagnoli nel Nuovo Mondo. Ospita un’affascinante grande casa, resti di piantagioni e ricostruzioni di case di Taíno, case di schiavi africani e un orto degli schiavi.

La Galleria Nazionale della Giamaica offre ai turisti una superlativa collezione di arte giamaicana. Quella ospitata dalla National Gallery è la più bella dell’isola e non dovrebbe perdersi in nessun caso. Oltre ad offrire una visione distintamente giamaicana delle tendenze artistiche internazionali, la collezione attesta la vitalità del patrimonio artistico del Paese e il suo talento attuale.

La collezione è organizzata cronologicamente, introdotta dalle incisioni di Taíno e dai tradizionali paesaggi britannici del XVIII secolo. La loro bellezza iniziale smentisce il fatto che i loro soggetti includono molte piantagioni di schiavi.

Dieci gallerie rappresentano la scuola giamaicana, dal 1922 ad oggi. I punti salienti includono le sculture audacemente moderniste di Edna Manley, i vivaci dipinti “intuitivi” di artisti tra cui John Dunkley e David Pottinger, e il vescovo revivalista Mallica “Kapo” Reynolds. Le gallerie successive tracciano il corso di “arte giamaicana per i giamaicani” fino al recente passato, comprese le opere religiose astratte di Carl Abrahams, gli esercizi surrealisti di Colin Garland, gli assemblaggi eterei di David Boxer e il lavoro del realista Barrington Watson.

Non puoi non visitare il Museo di Bob Marley. Si tratta della grande e scricchiolante casa in legno di epoca coloniale di Hope Rd, dove Bob Marley visse e registrò dal 1975 fino alla sua morte nel 1981. In particolare questo è il sito più visitato della città. Oggi la casa funziona come attrazione turistica, museo e santuario, e molto rimane come ai tempi di Marley.

© Riproduzione riservata
Leggi anche