Notizie.it logo

Giappone, lo studio di Hayao Miyazaki diventa parco giochi

Giappone Miyazaki

Aprirà in Giappone nel 2022 un parco dedicato a Miyazaki, il fondatore della nota casa di animazione Studio Ghibli.

Quale appassionato dei film di animazione non ha mai desiderato di poter vivere anche solo per un giorno all’interno delle meravigliose atmosfere presenti nelle opere di Hayao Miyazaki? Dal 2022 questo sogno potrà diventare realtà in Giappone grazie al progetto di un parco a tema dedicato allo Studio Ghibli.
Se state pensando di andare in Giappone, consigliamo di visitare Expedia e Volagratis per le migliori offerte sui voli, invece per i migliori hotel e B&B consigliamo di dare un occhio a Booking.


Studio Ghibli

Lo Studio Ghibli è una delle più note case di produzione di film di animazione e ha numerosi appassionati non soltanto in patria, ma anche in Italia, dove sono in molti a lasciarsi affascinare dalle atmosfere surreali e oniriche tipiche dei film di Miyazaki, autore di classici come Il Castello Errante di Howl e La Principessa Mononoke. Dal 2022, per chiunque avrà la possibilità di viaggiare fino in Giappone, sarà possibile fare un tuffo nella fantasia del visionario regista, visitando il parco a lui dedicato e volto a ricreare i suoi film nei minimi dettagli.

L’inaugurazione di questo ambizioso è prevista per il 2022 nella città di Nagakute, situata nella prefettura di Aichi, la stessa località che tredici anni fa ha ospitato l’EXPO 2015.

Le prime indiscrezioni trapelate parlano di addirittura 200 ettari di attrazioni e ricostruzioni, per intenderci il triplo dell’estensione di un parco come Disneyland Paris. Quello dedicato a Miyazaki si presenta quindi come la risposta giapponese ai resort legati al nome di Walt Disney e sono caratterizzati da una simile divisione in aree tematiche.

Il parco sarà diviso in cinque zone, che presenteranno diverse giostre e percorsi naturalistici dai nomi fortemente evocativi come la “Valle delle streghe”, la “Collina della giovinezza” e la “Foresta Dondoko”. Inoltre, in giro per il parco i visitatori potranno scattare foto davanti alle gigantesche statue rappresentanti i personaggi più amati dello Studio Ghibli, fra i quali siamo certi che non potranno mancare il simpatico Totoro e la coraggiosa Kiki. Osservando i primi concept art diffusi con l’annuncio dell’apertura del parco, si potrebbe restare sorpresi dallo stile degli edifici, che assomigliano più a quelli tipici europee che a quelli che ci si aspetterebbe di trovare in una città giapponese.

In realtà, i film di Miyazaki sono contraddistinti da queste architetture in mattoni dalla linea austera e regolare, a testimonianza della cura con la quale il progetto intende replicare le ambientazioni dei film. Come infatti ha dichiarato il governatore della prefettura di Aichi, Hideaki Omura, “questo parco a tema è stato pensato in ogni minimo dettaglio in modo da non deludere i fan di Totoro”.

Divertimento ecosostenibile

In perfetta linea con la filosofia tipica dei film dello Studio Ghibli – che insistono molto sul rispetto della natura e la salvaguardia dell’ambiente – l’intero parco a tema sarà ecosostenibile e per questo realizzato sulla stessa area dove era stato fatto l’Expo 2005, contribuendo a fornirle un nuovo uso.

Per ora il parco è solo ad uno stato embrionale ed è ancora incerto non soltanto a quanto ammonterà il prezzo complessivo, ma anche il nome dell’architetto incaricato di questo ambizioso progetto. L’unico dato certo è che i lavori dovrebbero durare tre anni e l’inaugurazione dovrebbe avvenire – salvo imprevisti – nel 2022.

Nel frattempo, gli appassionati dello Studio Ghibli possono comunque visitare il museo dedicato a Miyazaki, aperto nel 2001 a Tokyo.

© Riproduzione riservata
Leggi anche