Ladispoli Roma, mare e temperature

Ladispoli, la cittadina costiera più amata dai romani... E non solo!

Ladispoli Roma, la cittadina costiera laziale, situata a pochi chilometri dalla Capitale, affaccia sul mare Tirreno ed è confinante con Fiumicino e Cerveteri. Il nome proviene da colui che la fondò nel 1889, il principe Ladislao Odescalchi.

Da allora Ladispoli ha conquistato generazioni di villeggianti, soprattutto romani, che in estate in fuga dalla canicola della città si riversano sulle sue belle spiagge in cerca di refrigerio e si tuffano nell’intenso blu del suo mare.

Mare Ladispoli Roma

Il mare della cittadina è infatti caratterizzato da fondali degradanti lievemente e adatti a tutti, grandi e piccini, sia per fare il bagno che per nuotare. La sabbia originariamente era nera, ma adesso, a causa dell’opera di erosione del mare è sempre meno ampia e quella che si perde viene sostituita con altra dalle diverse caratteristiche.

Per arginare il danno, ultimamente sono state create in mare una sorta di barriere artificiali costituite da un grande numero di scogli.

Al largo del mare di Ladispoli, poi, si trova una peculiarità davvero unica: la formazione di una piccola barriera corallina probabilmente originatasi dal riscaldamento del mar Mediterraneo. Per gli appassionati di subacquea a disposizione ci sono diversi diving che permettono di ammirare questo straordinario fenomeno.

Intorno alla località, inoltre, nel Medioevo c’erano molti boschi e paludi: oggi rimane solo l’Oasi faunistica di Palo, percorsa da una pista ciclabile, e la palude di Torre Flavia, dove sono stati rinvenute tracce di presenza umana di epoca tardo neolitica, tra il 3000 e il 2000 a.C.

Come detto, la sabbia di Ladispoli si caratterizzava soprattutto in passato per il suo colore nero, dovuto all’alta concentrazione di ferro; negli anni d’oro della città, i ’50-’60, il litorale era affollato anche dei vip dell’epoca perché le sue sabbie erano considerate perfino “terapeutiche”.

La spiaggia più alla moda di Ladispoli è quella di Torre Flavia, nelle vicinanze delle Secche omonime, che si distinguono per gli anfratti rocciosi dove hanno trovato casa rare specie marine; è presente anche un’area umida, ultimo confine della maremma laziale, destinata alla salvaguardia degli uccelli migratori e presa ogni anno d’assalto dagli appassionati di birdwatching.

Ladispoli Roma centro

L’architettura del centro della città è ricca di un fascino discreto tanto da apparire un tutt’uno con gli scogli che punteggiano il litorale; alcuni degli edifici più datati affacciano direttamente sul lido creando una scenografia da cartolina, in cui strutture antiche e nuove si sposano felicemente.

Il centro storico di Ladispoli Roma custodisce preziosi gioielli. Due fra tutti: il Castello Odescalchi, noto anche come Castello di Palo, e Torre Flavia del XVI sec., simbolo della cittadina e antico punto di avvistamento che subì il quasi totale abbattimento nel corso della seconda guerra mondiale.

Dinanzi ai resti della torre, nelle profondità marine, è dolcemente adagiato un relitto di una nave di epoca romana che conserva gelosamente al suo interno un ricco carico di antichissime anfore.
Un’opera più recente “amata” tantissimo dai giovani innamorati del luogo, è il “ponte di legno” costruito sul lungomare Regina Elena.

Tantissime sono le occasioni di divertimento offerte da Ladispoli. Basti pensare alle tante manifestazioni tradizionali che da anni se non addirittura da secoli, animano l’anno le giornate della cittadina; tra le più famose c’è la Sagra del carciofo romanesco che attira migliaia di partecipanti da ogni dove con stand di tutte le regioni italiane nei quali è possibile assaggiare i tanti prodotti tipici locali.

Ovviamente i protagonisti sono lori, i carciofi, e i piatti realizzati con questo buonissimo “ingrediente”; per citarne alcuni i carciofi alla romana, il brodetto di carciofi, i carciofi alla Giudia e i carciofi fritti o ripieni.

Le temperature di Ladispoli Roma

Dal punto di vista del clima, Ladispoli gode di temperature miti tutto l’anno: fresche in estate grazie alla piacevole brezza marina che arriva dal mar Tirreno, non eccessivamente fredde in inverno.

A gennaio, ad esempio, in media non si scende mai sotto i 4° e si può arrivare ai 13°; il mese più caldo è invece agosto con temperature comunque tra i 18° per la minima e i 29° per la massima. In estate le precipitazioni sono molto scarse, il mese più “bagnato” è novembre.

Scritto da Redazione Online
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Isola di Vis: dove si trova, come arrivare e cosa vedere

Seychelles: dove si trovano, cosa vedere e quando andare

Leggi anche
  • zurigoZurigo: la città più grande della Svizzera

    Zurigo è una città svizzera ricca di attrattive, come il giardino zoologico. La maggior parte degli hotel sono ben collegati con il centro

  • Zungri cosa vedereZungri: cosa vedere nel paesino calabrese

    Cosa vedere nel piccolo paesino calabrese di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, e nei dintorni.

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • 
    Loading...
  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

Entire Digital Publishing - Learn to read again.