Malta: Buoni compagni di viaggio a Malta

Global-College-Malta1

Global-College-Malta1

Il motivo che ci ha spinto ad a compiere questo viaggio è di unire un po’ di sana cultura con pomeriggi spensierati al mare. Siamo partiti da Firenze con volo Alitalia e abbiamo raggiunto l’aeroporto di Malta, che si trova nella parte sud-est dell’isola. All’aeroporto abbiamo noleggiato un’auto dopo una lunga trattativa sul prezzo. Siamo andati alla ricerca di un appartamento da affittare nella parte nord-ovest dell’isola, ritenendola un buon punto di partenza per le nostre escursioni. L’appartamento lo abbiamo trovato a Bugibba. Dalla nostra “base” abbiamo visitato, giorno dopo giorno, le varie attrattive dell’isola e del suo arcipelago:

· Rabat e Mdina: la storia di Mdina (la città silenziosa) e dell’adiacente Rabat è alterna ed antica quanto la storia stessa di Malta: le sue origini risalgano a più di 4000 anni fa. La città fu chiamata Mdina dai saraceni, che conquistarono l’isola nell’870 a.C., e la separarono da Rabat per ragioni di sicurezza costruendole attorno un profondo fossato e circondando la parte più alta della città con nuovi e più resistenti bastioni e mura.

Chiamarono il punto più alto Mdina che significa città fortificata e l’area rimanente Rabat, vale a dire sobborgo.

· Mosta: è una città nell’entroterra maltese, la cui attrazione principale è il Mosta Dome, un’enorme chiesa in cui è conservata una bomba inesplosa della 2° guerra mondiale che entrò dalla cupola della chiesa durante una funzione religiosa.

· La Valletta: è la capitale dell’isola, è bene visitarla la mattina perché il pomeriggio è quasi tutto chiuso, ma camminare per le sue strade, tra le chiese e i palazzi dei cavalieri, è veramente affascinante.

· Cottonera: è formata dalle tre città di Cospicua, Senglea e Vittoriosa (o come preferiscono i maltesi Birgu). Il nome Cottonera risale al Gran Maestro Nicholas Cottoner che nel 1670 iniziò a costruire un muro di fortificazione per proteggere le tre città. La prima città che abbiamo incontrato è stata Cospicua, oggi sede di cantieri navali, ma abbiamo continuato dirigendoci a Senglea, per vedere la più tipica delle vedette maltesi, e poi a Vittoriosa (Birgu), per vedere il Palazzo dell’Inquisitore (unico nel suo genere e molto bello), il museo marittimo (unico nel suo genere e molto brutto), Fort Sant’Angelo (ormai all’abbandono) da dove si gode una bella vista su La Valletta.

· Marsaxlokk: ogni domenica si tiene un mercato tipico proprio sul porto.

Il mercato non è per niente tipico, ma il porto è pieno di pescherecci (luzzi) ormeggiati. Nei dintorni si trovano anche:il complesso di Tarxien, formato da quattro templi consecutivi, è il più decorato ed elaborato tra le costruzioni megalitiche dell’isola (la sua edificazione si protrasse fra il 2700 e il 2000 a.C. circa), l’Ipogeo di Hal Saflieni (un tempio troglodita scavato ad una profondità di 100 metri sotto terra (bisogna prenotare con un buon anticipo per poterlo visitare), e la caverna di Ghar Dalam nella quale sono state ritrovate le ossa di molti animali (che sono in esposizione nel vicino museo, bello anche per i bambini); una prova evidente della saldatura tra Malta e la Sicilia e continente europeo.

· Dingli: è il tratto di costa sud bello per le scogliere e i paesaggi.

· Quedri: nei dintorni si trovano Hagar Qim, uno dei templi più spettacolari dell’isola per la sua posizione geografica dominante sul mare.

Questo complesso risale al 3200 a.C. A 500 metri si trovano i templi di Mnajdra che risalgono al 3200 a.C.. Sempre nei dintorni si trova la Blue Grotto, una grotta tra le scogliere sul mare, con un servizio di trasporto nella grotta blu con piccole barche a motore che trasportano dalle 6 alle 10 persone. La gita dura 30 minuti e, prima di arrivare alla Blu Grotto, si possono vedere altre piccole grotte.

· GOZO: è la seconda isola dell’arcipelago maltese. Vi consigliamo di prendervi una giornata intera per visitare interamente l’isola: la capitale Rabat (Vittoriosa) , i Templi ti Ggantija, la grotta di Calypso sulla Ramla Bay, la basilica di Ta’ Pinu, Fungus Rock, Azure Window e il mare interno.

· COMINO: è la terza isola dell’arcipelago maltese, anche se strapiena di turisti vi consigliamo di passare una giornata su questa piccola isola e sopratutto di immergervi nelle acque della Blue Lagoon, fantastica.

© Riproduzione riservata
Leggi anche
Piquadro Brief Ventiquattrore RFID 42 cm scomparto Laptop nero
299 €
Compra ora
Littlelife Portamerenda termico - LittleLife - Coccodrillo
23 €
Compra ora