Mercato Orientale, Genova: storia e informazioni

Tutte le informazioni per conoscere la storia del Mercato Orientale di Genova.

Il Mercato Orientale di Genova ha una lunga storia alle sue spalle. Si tratta di un luogo molto interessante da visitare durante un viaggio in Liguria.

Mercato Orientale, Genova: la storia

La città di Genova è ricca di luoghi interessanti da vedere, che hanno un particolare fascino dato da secoli di storia.

Il luogo in cui attualmente sorge il Mercato Orientale era anticamente la sede di un convento agostiniano. Durante la metà del XVII secolo gli stessi monaci fecero costruire la bellissima Chiesa di Nostra Signora della Consolazione, che si può ammirare tuttora nella piazza in cui si tiene il mercato. Durante il XIX secolo il quartiere iniziò a riempirsi e a vedere sorgere nuove costruzioni. Si tratta di importanti edifici, tra i quali spicca il Manicomio di Abrara.

Advertisements

La costruzione fu poi distrutta, per lasciare spazio alle abitazioni e ai monumenti edificati più avanti nel tempo. La zona del mercato è una delle più importanti della città e subì diverse modifiche nel corso dei secoli. Visitare la famosa via XX settembre è l’occasione perfetta per immergersi nella storia di Genova.

464318

L’inaugurazione del Mercato

L’inaugurazione del Mercato Orientale ebbe luogo il 7 maggio del 1899. Si trattò di un avvenimento che ebbe una grande risonanza, all’interno della città di Genova. In occasione del primo giorno del mercato furono esposti i prodotti del Comizio Agricolo. Si trattava di una vera e propria mostra, che suscitò l’attenzione di una vasta porzione della popolazione genovese della fine dell’800. In quell’occasione furono esposti anche esemplari di piante esotiche, tra le quali era presente una palma lunga 11 metri.

Inoltre, all’interno della via XX Settembre ci fu un tripudio di fiori, fatti portare in zona appositamente per l’inaugurazione. Anche il sistema dei trasporti della città subì importanti modifiche, in seguito all’apertura del mercato. Furono infatti aumentate le linee di tram e autobus che permettevano di arrivare sul posto, partendo da ogni angolo della città. L’inaugurazione del mercato fu un evento talmente importante che continuò a essere ricordato dalla popolazione negli anni a venire.

Genova Nuova

Il giornale quotidiano Genova Nuova ebbe il compito di raccontare l’evento alla cittadinanza genovese. La pubblicazione dedicò addirittura un intero capitolo all’inaugurazione del Mercato Orientale. La struttura costruita per la manifestazione fu descritta come un edificio elegante, degno di ospitare importanti fiere ed eventi cittadini. Durante un viaggio a Genova, si può fare una visita presso il mercato e ammirare la bellezza della struttura. Si tratta di un luogo ricco di storia e di importanza per la città, che consente di immergersi nella sua tradizione.

Scritto da Debora Albanese
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Castello della Dragonara, Camogli: storia della tenuta sul mare

Galleria Umberto I di Napoli: tutte le informazioni

Leggi anche
  • Zungri cosa vedereZungri: cosa vedere nel paesino calabrese

    Cosa vedere nel piccolo paesino calabrese di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, e nei dintorni.

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

  • 
    Loading...
  • Zibello cosa vedereZibello: cosa vedere, cosa fare e cosa mangiare

    Cosa vedere nel meraviglioso borgo di Zibello, in Emilia-Romagna, e le specialità da gustare.

Contents.media