Oga, Valtellina: cosa fare nello splendido borgo vicino Bormio

Il borgo di Oga, nell'Alta Valtellina, è un piccolo gioiello ottimo per trascorrere una vacanza indimenticabile nel parco dello Stelvio.

Un piccolo gioiello si cela nell’Alta Valtellina, nel parco dello Stelvio, e parliamo del borgo di Oga. Il piccolo paesino di montagna è il luogo ideale per chi cerca un momento per staccare da tutto e rilassarsi di fronte ad un panorama mozzafiato.

Oga, Valtellina: un borgo da favola

A pochi passi dal piccolo paesino di Bormio, il borgo di Oga è la destinazione ideale per una gita fuori porta o per partire per emozionanti escursioni e gite.

Anche noto come il Paese delle aquile, Oga sorge arroccato sulla cima di un monte, proprio come fanno le aquile. Infatti, l’abitato si erge a oltre 1500 metri sopra il livello del mare, in mezzo ad ampie aree boschive incontaminate.

Un paradiso circondato dalle vette delle Alpi centrali.

Il piccolo paesino lombardo fa capo al comune di Valdisotto e alla comunità montana di cui fa parte anche Bormio. Questo piccolo gioiello arroccato sulle montagne è il luogo perfetto da cui partire alla scoperta di itinerari affascinanti, tra storia e natura, in un un territorio immerso nella Valtellina.

E proprio di storia non si può non parlare quando si visita questo borghetto montano e si percorrono i suoi sentieri.

Vediamo, quindi, tutte le attività e le escursioni da non perdere da questi splendido borgo dell’Alta Valtellina.

volo dell angelo valtellina

Escursioni e attività

Dal paesino di Oga si possono intraprendere gli antichi sentieri utilizzati dai soldati durante la prima guerra mondiale.

Inoltre, è un’occasione incredibile per visitare, proprio all’interno dei confini del territorio del borgo, il forte militare dedicato al capitano Corrado Venini.

In alternativa, si può scegliere di percorrere le vie del parco nazionale dello Stelvio, accompagnati da guide esperte che conducono escursioni programmate.

Da non perdere, poi, una sosta alle famose stazioni termali che rappresentano un must di Bormio.

Poco distante si trova anche il piccolo paese di Tirano, il punto di partenza ideale per provare l’emozione di salire sul trenino rosso del Bernina.

stelvio-yoke-4526686_1920

Il forte militare

Il forte di Oga si trova ad un’altitudine di circa 1730 metri sul livello del mare in un luogo che è stato identificato con il toponimo di Dossaccio. In origine avrebbe dovuto sorgere agli inizi del ‘900 a Le Motte, ma qui fu poi costruito tra il 1908 e il 1914 a difesa dei principali valichi alpini. Da questa posizione privilegiata, sopra Bormio, si potevano facilmente prendere tutte le principali vie di accesso all ‘“Alta Valtellina”, dal passo del Foscagno alle valli di Fraele, dal passo Stelvio-Umbrail, ai sentieri della Valfurva.

Quando aperto, il biglietto per la visita costa 5 euro per gli adulti, 2,50 euro quello ridotto, mentre i bambini fino ai 10 anni entrano gratuitamente.

In più, è anche possibile prenotare in anticipo una visita guidata al prezzo di 35 euro da sommare al prezzo del biglietto.

Scritto da Ilenia Albanese
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Vie ferrate dell’Emilia-Romagna: le più emozionanti

Isole Similan, Thailandia: come arrivare, tutte le informazioni

Leggi anche
  • zurigoZurigo: la città più grande della Svizzera

    Zurigo è una città svizzera ricca di attrattive, come il giardino zoologico. La maggior parte degli hotel sono ben collegati con il centro

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

  • 
    Loading...
  • zermatt estate 2020Zermatt estate 2020: tutte le informazioni

    Tutte le informazioni che servono per visitare Zermatt durante l’estate 2020.

Entire Digital Publishing - Learn to read again.