Parco archeologico di Ercolano: storia e visita

La visita al Parco archeologico Ercolano, un sito storico che cela misteri dell'antica civiltà.

Il Parco archeologico di Ercolano racchiude la storia di un’antica civiltà, sepolta dalle ceneri dell’eruzione del Vesuvio. Ancora oggi affascina e incuriosisce tutto il mondo, e continua a stupire con le nuove scoperte.

Ma scopriamo la storia, le curiosità e le informazioni sulla visita allo storico sito.

Parco archeologico di Ercolano

Era il 79 d.C. quando una forte eruzione del Vesuvio seppellì le città romane di Ercolano, Pompei, Stabia ed Oplonti.

La scoperta di queste antiche città risale al 1709, e da allora è diventato uno scrigno di tesori storici che ricostruiscono la vita della civiltà.

Il sito archeologico di Ercolano, insieme alle rovine di Pompei ed Oplonti, è entrato a far parte della lista dei patrimoni dell’umanità dell’UNESCO.

L’antica città, secondo la leggenda narrata da Dionigi di Alicarnasso, venne fondata da Ercole nel 1243 a.C.. Invece, secondo le ricostruzioni storiche fu fondata dagli Osci nel XII secolo a.C. o dagli Etruschi tra il X ed l’VIII secolo a.C..

Conquistata dai Greci nel 479 a.C., passò poi sotto l’influenza dei Sanniti, prima di essere conquistata dai Romani nell’89 a.C., diventando un municipio.

La città divenne un luogo residenziale per l’aristocrazia romana e visse il suo periodo di massimo splendore con il tribuno Marco Nonio Balbo.

Fu colpita dal terremoto di Pompei del 62 e pochi anni dopo fu completamente sepolta sotto una coltre di fango nel 79.

Lo strato, col passare degli anni, si solidificò, proteggendo i resti della città.

Ma dopo oltre 40 anni dagli ultimi lavori, nel 2021 riprendono gli scavi nell’antica spiaggia di Ercolano. Un progetto volto a valorizzare l’antico litorale.

Ercolano

Le case e le ville

Passeggiare per il sito permette di esplorare le case e le ville dell’antica città di Ercolano. Si tratta di abitazioni decorate in modo raffinato e sfarzoso, con portici e colonne in laterzio.

In più, molte case erano dotate di un proprio pozzo, di cui ancora oggi si può ammirare la particolare architettura.

Vi sono, poi, gli edifici pubblici nella zona del Foro, con la Basilica e le Terme che costituivano il cuore della città.

scavi archeologici di ercolano orari e prezzi

La visita

Il sito archeologico è aperto dal lunedì al venerdì, dalle 8.30 alle 17.

I biglietti sono acquistabili solamente online al sito ticketone.it, con un costo aggiuntivo di € 1,50 per la prevendita.

Il visitatore dovrà, poi, mostrare il QRcode del biglietto all’ingresso, direttamente su smartphone o tablet.

Il biglietto singolo ha un costo di 13 euro, ma per giovani tra i 18 e 25 anni non compiuti il biglietto è di 2 euro.

Con il biglietto è consentito un unico ingresso.

In più, è disponibile il servizio di audioguida in realtà aumentata da scaricare direttamente sul proprio smartphone con l’app dedicata.

Scritto da Ilenia Albanese
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Diventare un inglese fluente non è mai stato cosi facile: IngleseDinamico.net in tuo aiuto!

Montefiore Conca: la storia e le curiosità sul castello

Leggi anche
  • Zungri cosa vedereZungri: cosa vedere nel paesino calabrese

    Cosa vedere nel piccolo paesino calabrese di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, e nei dintorni.

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • Loading...
  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

  • Zibello cosa vedereZibello: cosa vedere, cosa fare e cosa mangiare

    Cosa vedere nel meraviglioso borgo di Zibello, in Emilia-Romagna, e le specialità da gustare.

Contents.media