Parigi: cosa vedere in 5 giorni

Avete in programma un breve viaggio a Parigi ma non sapete cosa vedere? In questo articolo troverete tutte le idee per visitarla in 5 giorni

Tra le mete europee più ambite in ogni periodo dell’anno c’è sicuramente la città di Parigi, perfetta in ogni stagione grazie alla sua atmosfera magica, dall’estate all’inverno e anche durante le festività, come quella imminente di Halloween.

Se dunque avete deciso di trascorrere qualche giorno nella magica città di Parigi e non avete intenzione di perdervi le attrazioni più belle che la capitale della Francia ha da offrivi, in questo articolo abbiamo pensato per voi ad un itinerario diviso in 5 giorni, grazie al quale sarete sicuri di non perdervi nessuna delle bellezze parigine.

Cosa vedere a Parigi, giorno 1 e 2: Tour Eiffel e Louvre

Tour eiffel

Il vostro soggiorno nella città di Parigi non potrà certo non cominciare con la visita a due delle attrazioni più famose della Francia, diventate dei veri e propri simboli conosciuti in tutto il mondo: stiamo parlando ovviamente della Tour Eiffel e del Museo del Louvre.

Per quanto riguarda la Tour Eiffel, potrete salire fino alla cima e godervi la vista mozzafiato della città dal suo punto più alto. Non molto lontano dalla Tour Eiffel si trova proprio il Museo del Louvre.

Per godervi al meglio la visita vi consigliamo di prendervi tutta la giornata, in modo tale da ammirare i capolavori conservati nel museo con tutta calma. L’intera area circostante il museo poi è avvolta in una magica atmosfera ricca di arte e qui potrete sicuramente scattare magnifiche foto da mostrare ad amici e parenti.

Cosa vedere a Parigi, giorno 3 e 4: il quartiere latino e Saint-Germain De Pres

Parigi

Dopo aver visitato la Tour Eiffel e il Museo del Louvre, nei due giorni successivi potreste dedicarvi a visitare l’anima di Parigi, facendo un giro in alcuni dei quartieri più caratteristici della città.

Per questo motivo vi consigliamo di perdervi nel magico Quartiere Latino, una delle zone più amate della capitale francese. Questo quartiere è ricco di vita e di ragazzi provienenti da ogni parte del mondo per via della sua vicinanza con la rinomata Università Sorbona. Qui potrete concedervi un pranzo vivace in uno dei numerosi ristoranti caratteristici.

Per continuare il viaggio nei quartieri più belli di Parigi potete recarvi a Saint-Germain De Pres, dove potrete respirare l’atmosfera più autentica della città. Non lontano da questo quartiere troverete l’Istituto del mondo arabo, dove si trovano alcuni dei giardini più belli della città.

Cosa vedere a Parigi, l’ultimo giorno: la crociera sulla Senna e le Gallerie Lafayette

Parigi

Per il vostro ultimo giorno nella città di Parigi vi consigliamo prima di tutto di fare un giro nelle famose Gallerie Lafayette, dove potrete concedervi un po’ di shopping nella capitale della moda e comprare qualche souvenir da portare in patria.

Dopodiché potrete recarvi sulla Senna e per rivivere le emozioni del vostro viaggio da una prospettiva diversa concedervi una romantica crociera sul fiume parigino.

Scritto da Carola Mulfari
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

La Palma: cosa vedere sull’isola vulcanica

I templi più belli in Thailandia: un’atmosfera antica e suggestiva

Leggi anche
  • Zungri cosa vedereZungri: cosa vedere nel paesino calabrese

    Cosa vedere nel piccolo paesino calabrese di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, e nei dintorni.

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • Loading...
  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

  • Zibello cosa vedereZibello: cosa vedere, cosa fare e cosa mangiare

    Cosa vedere nel meraviglioso borgo di Zibello, in Emilia-Romagna, e le specialità da gustare.

Contents.media