Notizie.it logo

Praga: tutto quello che c’è da sapere prima di visitarla

praga

Una guida attraverso la storia della città di Praga, con curiosità sui luoghi da visitare e sul famoso Castello.

Praga: ecco per voi una utile guida attraverso la storia della città, con tante curiosità sui luoghi da visitare, e da non perdere, e sul famoso Castello, simbolo della città.

Storia della città di Praga

La città di Praga ha una storia molto antica, che risale a migliaia di anni fa: essa, infatti, è stata luogo di stanziamenti umani, fin dal Paleolitico. Il primo nucleo di Praga venne fondato alla fine del IX secolo per controllare la riva destra del fiume Moldava. In seguito, Praga divenne un centro molto importante per i mercanti che arrivavano da tutte le parti dell’Europa, inclusi molti ebrei.

La città conobbe una fioritura economica e culturale durante il XIV secolo, sotto il regno di Carlo IV della casata dei Lussemburgo. Durante il suo regno venne costruito anche il famoso Ponte Carlo; oltre ad esso, Carlo IV fece costruire anche la famosa Cattedrale di San Vito, che si trova all’interno del Castello di Praga, e l’Università Carolina.

Nel 1526 la città finì sotto il dominio della dinastia degli Asburgo e proprio grazie a questa casata la città divenne capitale della cultura europea e molti personaggi famosi vissero a Praga, come Keplero, il pittore Arcimboldo e molti altri.

Nel 1618, avvenne la famosa prima defenestrazione, che provocò lo scoppio della Guerra dei trent’anni. In seguito a questa guerra, Praga e tutta la Boemia vissero un periodo molto duro e la città si avviò verso un lento declino poiché la Corte degli Asburgo venne spostata a Vienna. Dopo aver subito anche un terribile incendio, Praga rifiorì nuovamente e tornò ad essere una città importante per tutto il corso del Settecento e dell’Ottocento.

Con la Prima Guerra Mondiale e con la conseguente sconfitta dell’Impero Austroungarico, venne creata la Cecoslovacchia e Praga venne scelta come capitale. Durante la Seconda Guerra Mondiale, la città subì numerosi rastrellamenti nazisti, a causa di un numero consistente di cittadini di religione ebraica.

La città si ribellò numerose volte alla furia nazista e venne definitivamente liberata dall’Armata Rossa di Stalin nel 1945. Dopo la seconda guerra mondiale, Praga rimase sotto il controllo dell’Unione Sovietica, soffrendo pesantemente del regime comunista e per questo nel 1967 avvenne la famosa Primavera di Praga. Nel 1993, Praga divenne capitale della neonata Repubblica Ceca, dopo la dissoluzione dell’Unione Sovietica.

Cosa vedere a Praga

Praga resta sicuramente impressa nel cuore, per la sua anima gotica e misteriosa, perché sembra una città magica sospesa tra passato, presente e futuro. Ogni strada ed ogni vicolo vi condurrà ad una sorpresa e basti pensare che il suo centro storico è stato riconosciuto Patrimonio Mondiale dell’Umanità dall’Unesco.

Il primo monumento da visitare a Praga è certamente il famoso Orologio Astronomico sulla Torre nella Piazza della Città Vecchia, risalente ai primi del 1400. Il meccanismo dell’orologio è formato da tre quadrati su cui è possibile osservare le posizioni del sole e della luna, inoltre vi sono rappresentati i 12 apostoli ed i mesi dell’anno.

Ai lati si trovano quattro statue, che rappresentano i vizi capitali, e che allo scoccare dell’ora regalano uno spettacolo affascinante che certamente non potete perdere.

Un’altra chicca che pare regala è la Città Vecchia, quartiere antichissimo, che nel corso dei secoli ha visto passare migliaia di viaggiatori da tutta Europa. Qui respirerete un’atmosfera senza tempo tra le viuzze e le belle chiese e piazze. Chiaramente il viaggio in questa splendida città non può concludersi senza una visita al famoso Castello: in realtà, più che un castello è un vero e proprio complesso che domina dall’alto tutta la città ed è considerato la più grande fortezza esistente al mondo. All’interno del castello, potrete visitare la splendida Cattedrale di San Vito e la casa che apparteneva al celebre scrittore Kafka.

La storia del castello di Praga

Il primo complesso del Castello di Praga fu costruito nell’880 ed, a partire dal X secolo, esso divenne prima la sede della dinastia di Boemia e poi dei re che si susseguirono nel controllo del territorio.

Il castello di Praga ebbe come maggior momento di splendore il periodo del regno di Re Carlo IV, poiché la città divenne sede dell’Impero. Per questo il castello fu ampliato e venne dato inizio alla costruzione della Cattedrale di San Vito.

Dopo il declino di Praga a causa dello spostamento della sede imperiale a Vienna, il castello venne ricostruito alla fine del 1500 da Re Rodolfo II. Durante la guerra dei trent’anni il castello subì numerosi saccheggi e danneggiamenti e per questo l’ultima grande ricostruzione avvenne nella seconda metà del XVIII secolo. Dopo il 1989, molte aree del castello furono rese visitabili per la prima volta nella storia. Ancora oggi, questo meraviglioso complesso è la sede del presidente della Repubblica Ceca ed è il più importante monumento nazionale del Paese.

Informazioni pratiche per visitare il Castello di Praga

Il Castello di Praga è raggiungibile sia a piedi che con il tram: a piedi potrete scegliere tra tre opzioni: potete decidere di seguire per Via Nerudova, attraverso la Scalinata del Castello o attraverso la Vecchia scalinata del Castello.

Se invece preferite spostarvi con il tram, potete prendere il numero 22 e scendere ad una di queste fermate: Belveder, Prazsky Hrad o Pohorelec.
Durante l’alta stagione, ovvero dal 1 aprile al 31 ottobre, il castello è visitabile tutti i giorni, dalle 9 alle 18.

Durante la bassa stagione invece, ovvero dal 1 novembre al 31 marzo, il castello è visitabile dalle 9 alle 16, tutti giorni. I giardini del Castello di Praga ed il Fossato dei cervi, invece, sono aperti solamente durante l’alta stagione. I biglietti di ingresso possono essere acquistati direttamente alle casse oppure al centro informazioni del Castello di Praga.praga

Cuba resiste, il libro su Cuba immancabile in ogni libreria. Consigliato da leggere prima di andare o appena tornati per rivivere quest’isola meravigliosa:

© Riproduzione riservata
Leggi anche