Notizie.it logo

Tour in India sulle tracce di Gandhi

Tour in India sulle tracce di Gandhi

Il Tour – Sulle tracce di Gandhi ti porta a visitare i monumenti storici della capitale indiana associata a Mahatma Gandhi.

Nato nel 1869 in Porbander, nell’India occidentale, il Mahatma Gandhi fu assassinato a Nuova Delhi il 30 gennaio 1948. La sua eredità di protesta non violenta a vivere in spirito di oggi é come una grande influenza sulla società indiana e la comunità internazionale. In India è ufficialmente considerato come il ‘Padre della Nazione’ e il suo compleanno, 2 ottobre è festa nazionale.

Dopo aver studiato a Londra, Gandhi divenne un avvocato a Bombay prima di trasferirsi in Sud Africa nel 1907. Qui fu coinvolto nella sua prima ‘azione passiva’ quando protestano contro il governo del Transvaal per il loro trattamento di coloni indiani. Al suo ritorno in India nel 1915, ha assunto la leadership del Congresso Nazionale Indiano e condusse campagne nazionali contro le ingiustizie perpetrate dal governo coloniale. Imprigionato in Sud Africa e in India su una serie di occasioni, la sua motivazione non vacillò mai.

Il tour prevede la visita a Gandhi Smriti (precedentemente noto come Birla House o Birla Bhavan).

Questo è il luogo dove Gandhi trascorse gli ultimi 144 giorni della sua vita e dove fu assassinato il 30 gennaio 1948. Oggi ospita un museo dedicato alla vita di Gandhi.

È possibile visitare l’edificio e gli esterni, la visualizzazione di oggetti associati a Gandhi, così come la stanza dove rimase e ‘Colonna di Martire’ il che segna il luogo dove è stato assassinato.

Potrete anche visitare il Raj Ghat, un luogo venerato di pellegrinaggio. Situato sulla riva occidentale del fiume Yamuna, una piattaforma di marmo nera segna il luogo dove Gandhi fu cremato il 31 gennaio 1948. Una fiamma eterna brucia perennemente ad una estremità. La tappa finale del tour sarà il’ Gandhi National Museum ‘, che mette in mostra personali cimeli, manoscritti, libri, riviste e documenti, nonché materiale fotografico e audiovisivo.

© Riproduzione riservata
Leggi anche