Val d’Ayas: trekking e sentieri migliori

La Val d'Ayas è una destinazione molto apprezzata dagli appassionati di trekking, ricca di sentieri panoramici e viste spettacolari.

La val d’Ayas, nella Valle d’Aosta, è uno dei punti perfetti per praticare trekking, con itinerari adatti a tutti i livelli di esperienza. Infatti, moltissimi amanti delle passeggiate in montagna scelgono la splendida vallata valdostana per godere dei suoi incredibili panorami.

Val d’Ayas: trekking e sentieri

La vallata alpinta di Val d’Ayas è una delle più scenografiche e suggestive della regione della Valle d’Aosta. Situata alle pendici del Monte Rosa, sulla sinistra orografica della Dora Baltea, la vallata è incastonata tra splendide vette che fanno da cornice.

Tra i monti più alti, che superano i quattromila metri di altitudine, troviamo le vette del Monte Breithorn, la Roccia Nera, il Castore ed il monte Polluce.

Altre cime più basse, poi, fanno da sfondo alla vallata, con altezze che vanno dai 3.300 metri ai 2700.

Inoltre, dalle vette scendono molti ghiacciai. Tra questi il principale è il Grande Ghiacciaio di Verra.

In questa cornice così suggestiva, decine sono i sentieri tra cui scegliere per esplorare il territorio e le meraviglie che si celano. I percorsi hanno diversi gradi di difficoltà, ma tutti meritevoli di essere intrapresi.

Vediamo, quindi, quali sono i più interessanti da non perdere.

Val d'Ayas

Champoluc, Lago Blu, Jacques

Il primo itinerario, Champoluc – Lago Blu – St.-Jacques, rappresenta una camminata mediamente lunga ma non faticosa.

Infatti, è un sentiero turistico con livello di difficoltà E (per escursionisti). La quota massima è di 2211 metri di altitudine e si percorre nel giro di poche ore. Il percorso si divide in cinque tratti, tra strade sterrate e ovovie. La destinazione finale è il noto Lago Blu, senza alcun dubbio una delle mete più frequentate dell’intera valle; è un magnifico specchio d’acqua che deve il suo nome al proprio caratteristico colore.

Champoluc, Ostafa e Laghi Pinter

Un altro sentiero piuttosto semplice di circa 8 chilometri è quello di Champoluc / Ostafa – Laghi e Colle Pinter. Il tragitto inizia in realtà a Ostafa, raggiungibile comodamente con le telecabine da Champoluc al Crest e dal Crest a Ostafa. Il percorso si divide in tre tappe, seguendo il percorso numero 12.

In totale, il sentiero può essere percorso in poco più di tre ore e non presenta difficoltà o grandi salite. Infatti, è adatto a grandi e piccini.

Barmasc – Alpe Mezzan

Un sentiero turistico semplice e adatto a tutti è quello di Barmasc – Alpe Mezzan via Ru Cortot, una decina di chilometri tra boschi e pascoli. L’altitudine massima è di 2040 metri e regala panorami speciali sulla vallata. Il sentiero da imboccare e da seguire è il 7 o 7a.

Scritto da Ilenia Albanese
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Palazzo di Diocleziano a Spalato: cosa vedere

Castel Tirolo, prezzi e informazioni

Leggi anche
  • zurigoZurigo: la città più grande della Svizzera

    Zurigo è una città svizzera ricca di attrattive, come il giardino zoologico. La maggior parte degli hotel sono ben collegati con il centro

  • Zungri cosa vedereZungri: cosa vedere nel paesino calabrese

    Cosa vedere nel piccolo paesino calabrese di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, e nei dintorni.

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • 
    Loading...
  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

Entire Digital Publishing - Learn to read again.