Notizie.it logo

Che cosa vedere a Constanta Romania

Che cosa vedere a Constanta Romania

Constanta è stata continuamente abitata per 2600 anni quindi non c’è molto da vedere:
Il vecchio Casino e la passeggiata che circonda è stata aperta nel 1911. E ‘stata costruita in stile Art Nouveau e ideata da due architetti, Petre Antonescu e Daniel Renard (di estrazione svizzera, ma nato in Romania). Pur essendo in uno stato di abbandono al giorno d’oggi, si può visitare gratuitamente. E ‘un incredibile pezzo di architettura che sicuramente merita una visita.

Vecchio Casinò La statua di Ovidio (43 aC Nato a Sulmona, morto nel 17 dC in Tomis / Constanta). La statua di Ettore Ferrari è stata eretta nel 1887, dopo una sottoscrizione pubblica (la stessa statua è visibile a Sulmona). Nel 9 dC Ovidio fu mandato in esilio da Augusto per motivi oscuri.

Ha scritto la sua Tristia in Tomis.

Musei
Il Museo Nazionale di Storia e Archeologia, Piata Ovidiu, mostra una notevole collezione di pezzi dal dell’antichità greca e romana (per esempio, il Glykon Serpente, Fortuna e Pontos, due Nemesis affrontato e innumerevoli anfore). Anche al di fuori del museo ci sono alcune tombe in marmo e manufatti.

Il Museo di Arte popolare, Aristide Karatzali Street (40241616133). Orari di apertura: 09:00-20:00 (durante l’estate); 10:00-06:00 (durante l’inverno).
Museo della Marina, Traian Street, 53 (muzeu.marina@rdslink.ro, 40241619035, 4034180330). Il museo dispone di documenti epigrafici, monete, opere d’arte, articoli originali, con un significativo valore storico: ancore, anfore, decine di modelli che riproducono tutti i tipi di navi esistenti in campo militare e commerciale della Marina rumena, strumenti di navigazione, documenti e fotografie, il fuoco braccia, eliche, fari lenti, bandiere, dipinti, reperti di grande valore scientifico e documentario.

Orari di apertura: 09:00-05:00 (durante l’estate); 10:00-06:00 (durante l’inverno).

Il Museo del mare con il faro genovese, dietro la statua di Eminescu, di fronte al mare. Anche se costruito tra il 1858-1860, sulla roccia del angolo sud-est della penisola Tomitane, da una società inglese, il faro si chiama “Faro Genovese”.
Interno della Grande Moschea
Il Museo di Scultura Ion Jalea, Arhiepiscopiei Via, 26. Ion Jalea Museo è organizzato in un edificio costruito nel periodo tra le due guerre dall’architetto C. Pariano in stile Brancoveanu. Museo mostra più di 120 opere donate in bronzo e gesso dell’artista Ion Jalea alla sua città natale.
La Grande Moschea, a due passi da Piazza Ovidiu, è stato il primo edificio pubblico in calcestruzzo in Romania (1910), un dono dal re Carol I della comunità musulmana locale.

La moschea è costruita in stile moresco in onore del sultano Mohamed II. Ospita un tappeto portato nel 1965 dall’isola di Ada Kaleh, il sultano Abdul Hamid (1876-1909) donazione, opera del famoso Hereke artigianale vicino a Istanbul.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche
Leggi anche