Cami de Ronda in Costa Brava: di cosa si tratta

Il percorso di Cami de Ronda, in Costa Brava, che segue la splendida costa.

Uno dei percorsi più piacevoli da intraprendere è quello di Cami de Ronda in Costa Brava. Vediamo di cosa si tratta e dove si trova.

Cami de Ronda in Costa Brava

Il Camí de Ronda, era un sentiero costruito lungo la costa per aiutare la Guardia Civil a controllare la costa e fermare il contrabbando.

Un luogo, oggi, frequentato dai turisti che vanno in cerca di panorami mozzafiato e dagli amanti delle passeggiate su terreni poco lineari. Si tratta di un itinerario segnato che si può percorrere a piedi passando per scogliere, calette e piccoli paesi di mare.

Le origini di questa via si trovano nel XIX secolo, quando è stato formato da piccoli sentieri attraverso le scogliere lungo la costa della Catalogna. Con gli anni, poi, è diventato un vero e proprio sentiero con scale e passerelle per favorire il passaggio sulle rocce vicino al mare.

Nel XX secolo, soprattutto nel periodo del dopoguerra, il percorso acquisì una grande importanza come metodo di controllo del confine del paese, soprattutto nelle difficili condizioni economiche che la Spagna si trovò dopo la guerra civile.

Gran parte del percorso è ora costituito da una serie di sentieri pubblici che collegano spesso spiagge e resort turistici. Ad oggi, infatti, il Camì de Ronda è un percorso pedonale e turistico che attraversa alcuni dei punti più belli della costa catalana.

Cami de Ronda

Il percorso

Per i più allenati, è possibile percorrere in una sola giornata di cammino i 18 chilometri che separano Palamos e Tamariu.

Tuttavia, tutto il tragitto conta 43 chilometri, e include l’intero percorso che parte da Sant Feliu de Guixols e giunge fino a Begur.

Poi, per i più coraggiosi, si può scegliere un itinerario circolare che parte da Girona arriva in Costa Brava, percorre il litorale da Sant Feliu de Guixols a Begur, per ritornare poi in Costa Brava. Per questo percorso occorrono circa 8 giorni di cammino.

percorso

Tariffe

Sul sito ufficiale del percorso, è possibile scegliere di aderire ad alcune tariffe che comprendono: alloggio, mezza pensione e pacchetto di benvenuto.

In alternativa, si può scegliere il pacchetto gratuito più il pacchetto di benvenuto.

I costi partono da €43, per quello semplice, fino a €745 per la soluzione comfort per la circolare di 8 giorni.

Con queste soluzioni, si aderisce ad un programma con itinerari giornalieri, soste programmate e servizi utili per riposare come pernottamenti e mezze pensioni.

Sono, inoltre, disponibili altri servizi, come il noleggio del GPS, assicurazione infortuni, trasferimento passeggeri e trasporto bagagli.

Scritto da Ilenia Albanese

Scrivi un commento

1000

Ospedale dei Pellegrini a Napoli: la lunga storia della struttura

Laguna Colorada in Bolivia: colori e curiosità

Leggi anche
  • zurigoZurigo: la città più grande della Svizzera

    Zurigo è una città svizzera ricca di attrattive, come il giardino zoologico. La maggior parte degli hotel sono ben collegati con il centro

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

  • 
    Loading...
  • zanzibarZanzibar: scopri tutto su questa magnifica destinazione

    Zanzibar è meta di turisti, attratti anche da tantissimi animali e da pesci e delfini.

Entire Digital Publishing - Learn to read again.