Notizie.it logo

Napoli, i luoghi della serie tv l’Amica Geniale

napoli

Napoli è lo sfondo del libro e della serie tv "L'amica Geniale".

La serie tv “L’Amica geniale” ha conquistato davvero tutti, riuscendo nel difficile compito di mettere d’accordo non solo la critica, ma anche gli appassionati lettori. Gli episodi sono infatti tratti dal romanzo scritto da Elena Ferrante e ambientati a Napoli: ripercorriamo i luoghi della città partenopea che abbiamo visto in tv.

La Napoli di “L’Amica geniale”

La serie tv è ambientata nel capoluogo campano che funge da sfondo alle avventure delle due protagoniste Elena e Lila: anche se i luoghi da visitare sono numerosi, ecco quelli da non perdere.

Rione Luzzatti

Il punto di partenza di questo tour letterario attraverso i luoghi di Elena Ferrante parte da Rione Luzzatti, un complesso di abitazioni costruite alla fine della seconda guerra mondiale in quella che oggi è la periferia ad est di Napoli (ma che nel periodo in cui è ambientata la vicenda si poteva considerare aperta compagna). Proprio per la sua collocazione in mezzo al verde, questa zona era nota anche come “due stagni”.

Nonostante non si tratti di una meta turistica in senso stretto, il quartiere popolare merita una visita soprattutto per la parrocchia della Sacra Famiglia al centro delle vicende.

Costo Umberto I

Riavvicinandosi al centro cittadino, non potrai non passeggiare per una delle grandi vie di scorrimento di Napoli, chiamata “rettifilo”dagli abitanti del capoluogo. Per gli amanti del libro e della serie tv, queste strade ricordano l’episodio in cui Lila, emozionata, comprerà il proprio abito per le nozze. Nei dintorni, dirigiti verso Port’Alba dove Elena è solita trascorrere gran parte delle proprie giornate, in mezzo ai numerosi banchi di librai.

Piazza del Municipio

Come noto, Elena è impiegata nella Piazza del Municipio che è, ancora oggi il centro non solo storico ma anche politico di tutta la città. A pochi passi dalla Biblioteca Nazionale e dal celebre Teatro di San Carlo, potrai raggiungere il Gran Caffé Gambinus, meta di numerosi intellettuali – tra cui Oscar Wilde – che seppe trarre ispirazione dall’arredamento Liberty dell’ambiente.

È proprio qui che Elena viene collocata con le proprie figlie dalla scrittrice Elena Ferrante nel libro “Storia di una bambina perduta”.

Piazza dei Martiri

Spostandoti verso il centro storico della città, ti troverai nei pressi di Piazza dei Martiri dove Lila e Stefano hanno aperto la propria attività nonché sul lungomare partenopeo dove avviene una delle scene più toccati di tutta la serie quando il padre di Elena decide di mostrarle il Vesuvio.

Se ti sei appassionato al romanzo e alla serie tv ambientata a Napoli non ti resta che organizzare un tour ripercorrendo i luoghi e le scene che ti hanno appassionato di più!

© Riproduzione riservata
Leggi anche