Santuari da visitare in Abruzzo: consigli di viaggio

Tutte le informazioni sui più bei santuari da visitare in Abruzzo durante una vacanza.

Il territorio abruzzese è ricco di luoghi sacri decisamente imperdibili, da visitare durante una splendida vacanza. Durante un viaggio in Abruzzo si possono visitare magnifici santuari, che si trovano sparsi lungo la vasta area della regione.

Santuari da visitare in Abruzzo

L’Abruzzo è una regione magnifica da visitare, ricca di località turistiche molto interessanti e di splendidi paesaggi naturali. Una delle attrattive più importanti del suo territorio è costituita dalla presenza di moltissimi santuari. I luoghi di culto che si possono ammirare nel territorio abruzzese sono tra i più belli d’Italia e meritano senza dubbio una visita. Per godersi a pieno il viaggio, è molto interessante sapere quali sono i santuari più caratteristici da vedere in Abruzzo.

Advertisements

Santuario di San Michele

Il Santuario di San Michele dell’Addolorata è uno dei luoghi di culto maggiormente noti all’interno del territorio abruzzese. Si tratta di una splendida struttura, che si trova alle pendici del Gran Sasso, nelle vicinanze della località di Isola del Gran Sasso. Il santo a cui il santuario è dedicato è noto con il nome di Gabriele, tuttavia la sua vera identità corrispondeva al nome di Francesco Possenti.

Nato ad Assisi, il santo trascorse parte della sua vita nel territorio in cui attualmente sorge l’edificio a lui dedicato. La struttura è oggetto di numerosi pellegrinaggi durante tutto l’arco dell’anno. In particolare, durante il 27 febbraio i fedeli che si recano presso il santuario ricordano la data della morte di Francesco Possenti, le cui reliquie sono custodite all’interno dell’edificio.

lanciano

Santuario del Miracolo Eucaristico

Un altro santuario molto importante dell’Abruzzo è quello del Miracolo Eucaristico. L’edificio si trova all’interno del contesto territoriale del borgo di Lanciano e la sua edificazione risale al 1258. Il santuario fu costruito sui resti di una chiesa molto antica e custodisce al suo interno delle importanti reliquie legate a un miracolo riconosciuto dalla chiesa cattolica. A Lanciano avvenne la trasformazione dell’ostia e del vino in sangue e carne, noto avvenimento conosciuto dalla maggioranza dei fedeli cattolici.

In un reliquiario del santuario sono custoditi i resti di questo avvenimento memorabile. Attualmente l’edificio è oggetto di continui pellegrinaggi e rappresenta uno dei luoghi di culto più importanti dell’Abruzzo.

Santuario della Madonna dei Miracoli

Nei pressi della località di Casalbordino sorge il bellissimo Santuario della Madonna dei Miracoli. Dall’edificio si gode di una splendida visuale sul mare abruzzese, motivo per cui il santuario costituisce una nota meta turistica. Inoltre, al suo interno avvenne un’apparizione miracolosa durante il XVI secolo. La Madonna si manifestò davanti a un agricoltore che stava in quel momento pregando. Da allora il santuario viene visitato ogni anno da moltissimi pellegrini, per celebrare la miracolosa apparizione.

Scritto da Debora Albanese
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Valle del Belice, Sicilia: luoghi imperdibili da visitare

Torino barocca: gli itinerari per scoprire la città

Leggi anche
  • Zungri cosa vedereZungri: cosa vedere nel paesino calabrese

    Cosa vedere nel piccolo paesino calabrese di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, e nei dintorni.

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

  • 
    Loading...
  • Zibello cosa vedereZibello: cosa vedere, cosa fare e cosa mangiare

    Cosa vedere nel meraviglioso borgo di Zibello, in Emilia-Romagna, e le specialità da gustare.

Contents.media