Statua della libertà: tutte le curiosità sul simbolo di New York

La Statua della Libertà venne progettata in Francia e giunse a New York proprio il 17 Giugno, nel 1885. Ecco una serie di curiosità sul simbolo di New York.

La Statua della Libertà è uno dei simboli più rappresentativi della storia degli Stati Uniti d’America, ancor di più del Golden Gate Bridge di San Francisco. Tuttavia, il primo pensiero che si ha quando si pensa alla Statua della Libertà è innanzitutto rivolto all’isola di Manhattan e alla città di New York.

Esattamente 134 anni fa, la Statua della Libertà arrivava a New York a bordo della nave Isere, come dono della Francia al popolo americano. Ecco una serie di curiosità sull’icona degli Usa.

Se state pensando di partire per new york, consigliamo di consultare expedia per le migliori offerte sui voli, invece per i migliori hotel e B&B consigliamo di dare un occhio a booking

I segreti della Statua della Libertà

Innanzitutto, l’effettivo nome della Statua della Libertà è quello di “Libertà che illumina il mondo“. La Libertà che regge la fiaccola vanta ben 93 metri di lunghezza ed è visibile a 40 chilometri di distanza.

La statua deve la sua edificazione, almeno della struttura interna in metallo, a niente poco di meno che a Gustave Eiffel, già passato alla storia come il papà del simbolo di Parigi e della Francia, appunto, la Torre Eiffel.

Tuttavia, l’influenza di Eiffel non si limiterebbe alla sola struttura della statua. Infatti, per quanto riguarda la parte scultorea, i lavori furono assegnati all’artista Frederic Auguste Bartholdi. Quest’ultimo decise di prendere a modello per il viso della statua la madre di Eiffel, Charlotte.

Il volto della Statua della Libertà poi non è stato esposto direttamente a New York, ma la sua prima presentazione al pubblico risale al 1878 a Parigi, in occasione dell’Esposizione universale.

La Statua della Libertà non sarebbe la stessa senza la sua corona. Come il resto della statua, tale gioiello ha un significato allegorico. Infatti, la corona vanta 7 punte e 25 gemme. La quantità non è casuale, in quanto le punte rappresentano i 7 mari e i 7 continenti, mentre le 25 gemme corrispondono alle finestre da cui possono sporgersi gli stessi visitatori.

statua della libertà curiosità

Altre curiosità del simbolo di New York

A seguito dell’attentato dell’11 Settembre 2001, per motivi di sicurezza, gli addetti ai lavori hanno chiuso al pubblico l’accesso all’osservatorio della statua per circa 8 anni. La cosa non ha scoraggiato i visitatori, che ogni anno si presentano a visitare il simbolo di New York. Le stime riferiscono una quota di presenze pari a circa 4 milioni. Per raggiungere la cima della Statua, i turisti devono inoltre percorrere ben 357 gradini.

Oggi, la Statua della Libertà appare agli occhi dei visitatori con un colore verde, ma in origine, la statua era di color marrone. Questo perché il rame con cui è stata costruita si è ossidato subito a contatto con la salsedine del mare che circonda la Liberty Island.

La collocazione della statua ricorda effettivamente quella di un faro. In realtà la Statua della Libertà è stata utilizzata anche per questo scopo. Infatti, la torcia che la scultura solleva trionfante era inizialmente progettata per essere effettivamente un faro. Le navi in viaggio per l’America hanno spesso fatto riferimento alla Statua della Libertà, nel periodo compreso tra il 1886 e il 1902. In seguito, la torcia è stata sostituita con una torcia tutta d’oro.


Scritto da Andrea Danneo
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Chios, cosa vedere e le migliori spiagge

Le migliori spiagge attrezzate per cani: dove andare

Leggi anche
  • zurigoZurigo: la città più grande della Svizzera

    Zurigo è una città svizzera ricca di attrattive, come il giardino zoologico. La maggior parte degli hotel sono ben collegati con il centro

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

  • 
    Loading...
  • zermatt estate 2020Zermatt estate 2020: tutte le informazioni

    Tutte le informazioni che servono per visitare Zermatt durante l’estate 2020.

Entire Digital Publishing - Learn to read again.