Notizie.it logo

Vaccinazioni richieste per la Repubblica democratica del Congo

Vaccinazioni richieste per la Repubblica democratica del Congo

La sua capitale è Brazzaville e la lingua parlata è il francese. Parliamo del Congo, vediamo cosa serve per entrare.

Argomenti trattati

Se si decide di partire per il Congo, è meglio parlare prima con il medico per sapere quali sono le vaccinazioni utili. Alcuni vaccini sono richiesti dalle autorità del Congo.

Il Congo

La Repubblica democratica del Congo si trova nell’Africa centrale. Dal 1971 al 1997 si chiamava Zaire. Confinano con la Repubblica del Congo, l’Africa centrale, il sud del Sudan a nord, l’Uganda, il Rwanda, il Burundi e la Tanzania a est, lo Zambia e l’Angola a sud e l’Oceano Atlantico a ovest. E’ il secondo paese più grande dell’Africa e l’undicesimo più grande al mondo.

Se state pensando di fare un viaggio alla scoperta della Repubblica democratica del Congo, consigliamo Expedia e Volagratis per le migliori offerte sui voli, invece per comparare i vari alloggi consigliamo il noto sito Booking.


Se decidi di partire per questo paese, ecco quali sono le vaccinazioni richieste per la Repubblica democratica del Congo.

I vaccini

Tra i vaccini bisogna controllare quello per la rosolia, il morbillo e gli orecchioni, la difterite, il tetano, la pertosse, la varicella, la polio e l’influenza annuale.

Bisogna essere vaccinati anche per la febbre gialla, che è ad alto rischio in questo paese e si raccomanda il vaccino anche per coloro che hanno 9 mesi o poco più.

L’epatite A è un vaccino altamente consigliato in quanto puoi contrarla se vieni a contatto con acqua contaminata o cibo contaminato, anche se dipende dalle zone e dove si va.

L’epatite B, anche qui è consigliabile la vaccinazione completa in special modo per bambini e adulti che abbiano contatti con la popolazione locale.

La malaria è un altro vaccino utile, così come la rabbia, soprattutto se si entra in contatto con animali e si passa molto tempo fuori.

Nessuna profilassi farmacologica assicura una protezione completa. In caso di febbre durante il soggiorno (dopo 7 giorni), o dopo il rientro in Italia (anche dopo mesi), è da prendere in considerazione la possibilità di una infezione malarica. In questo caso è consigliabile consultare un medico.

La difterite, per questa infezione è consigliato immunizzarsi, specialmente i bambini. Anche adulti che abbiano contatti con la popolazione locale. Consigliabile anche il vaccino contro il tetano, sia per i bambini che per gli adulti.

Consigli

Le precauzioni da prendere per il colera sono un’attenzione particolare al cibo e all’igiene delle mani.

Onde evitare i sintomi della diarrea è consigliabile non consumare bevande non imbottigliate, ghiaccio, gelati non confezionati, cibi crudi o poco cotti. Come carne, pesce, crostacei, molluschi, uova o verdura, specialmente se riscaldati o venduti nelle bancarelle che si trovano in strada.

Da ricordare inoltre di mettere in valigia una valida crema o uno spray contro gli insetti quali zanzare o zecche. Questi insetti infatti possono causare alcune della malattie elencate qui sopra.

© Riproduzione riservata
Leggi anche