Villa Lazzaroni di Roma: la storia del parco cittadino

La storia della Villa Lazzaroni, uno dei parchi cittadini di Roma, a pochi chilometri dal centro.

La Villa Lazzaroni è uno dei parchi di Roma che vanta una lunga e interessante storia, ricca di curiosità. Scopriamo, quindi, tutti i dettagli sulla storica villa romana.

Villa Lazzaroni di Roma: la storia

Situata nel tratto urbano della via Appia Nuova, la Villa Lazzaroni è frequentata dai cittadini della zona.

Il parco romano si trova nel quartiere Appio-Latino ed è luogo di incontro, di pace, ma che racconta anche una storia.

La villa sorse dalla riqualifica di un insediamento agricolo. Infatti, nel sito dove oggi è presente l’edificio padronale esisteva un manufatto, presumibilmente rustico.

Una prima denominazione dell’area compare nel 1845dove la chiusa è indicata come “vigna Peromini”.

Il nome Vigna Lazzaroni compare per la prima volta nella pianta dell’Istituto Cartografico Italiano del 1906.

Tra il 1880 e il 1893, la famiglia avviò opere di ristrutturazione della tenuta agricola ottocentesca, con l’obiettivo di imitare le ville patrizie dei secoli passati. Decorarono, così, la villa in stile eclettico e autocelebrativo.

Il parco, di circa 50.000 mq, è una creazione originale dei Lazzaroni, concepito come ricco giardino padronale.

Un giardino ricco di piante particolari che è possibile ammirare passeggiando per i sentieri.

Più tardi, nel 1908, Villa Lazzaroni venne utilizzata come ricovero per gli orfani del terremoto di Messina.

Invece dopo la Seconda Guerra Mondiale, la proprietà della villa fu acquistata dalla Provincia Italiana dell’Istituto delle Suore Francescane Missionarie di Maria. Agli inizi degli anni Sessanta furono costruiti un orfanotrofio e la chiesa.

Da allora sono stati aggiunti una pista di pattinaggio a rotelle, un circolo con due campi di bocce, e diversi giochi per bambini.

Nonostante le modifiche, la Villa conserva ancora oggi gran parte dell’aspetto originario dell’intervento dei Lazzaroni.

Villa Lazzaroni

Il parco oggi

Negli ultimi anni non sono mancati i lavori di trasformazione della storica villa. Infatti, l’edificio principale del parco è stato trasformato nella sede della IX Circoscrizione, oggi Municipio Roma IX.

Invece, la chiesa è stata trasformata nel 1984-1985 in teatro. Ma non solo.

Uno degli edifici ospita il Servizio Giardini, l’asilo ospita una scuola elementare e il XVII distretto scolastico. In più, parte del parco è stato trasformato in parcheggio per 200 posti auto.

Per garantire un’area di relax per grandi e piccini, sono stati anche aggiunti un centro anziani e un bar.

Ad oggi, la Villa Lazzaroni rappresenta uno dei pochi spazi di verde attrezzato del Municipio Roma IX, molto frequentato da anziani e da giovani. Ma è anche un luogo ideale per giocare con i bambini, per cui non mancano i genitori che lasciano giocare i bambini piccoli sui giochi.

Scritto da Ilenia Albanese
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Nuovo Messico: cosa vedere tra bellezze naturali e attrazioni

Ferrovia Biella – Oropa: il trenino è un Luogo del Cuore FAI

Leggi anche
  • Zungri cosa vedereZungri: cosa vedere nel paesino calabrese

    Cosa vedere nel piccolo paesino calabrese di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, e nei dintorni.

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • Loading...
  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

  • Zibello cosa vedereZibello: cosa vedere, cosa fare e cosa mangiare

    Cosa vedere nel meraviglioso borgo di Zibello, in Emilia-Romagna, e le specialità da gustare.

Contents.media