Notizie.it logo

La cucina laziale

La cucina laziale

Anche se la storia della regione comprende storie di ricchezza e di potere, soprattutto quando si tratta di città eterna, la storia del Lazio è davvero un incrocio di culture diverse. Il cibo del Lazio é fatto di piatti semplici, veloci e facili da cucinare. Tutto si basa su ingredienti freschi che sono disponibili a tutti. L’olio extra vergine di oliva da Canino e Sabina, per esempio, sono utilizzati in molte delle ricette tradizionali.

Le salse che adornano i piatti di pasta nel Lazio, variano dal molto semplice come cacio e pepe, o salato pecorino romano e pepe, alle ricette più elaborate che possono includere il burro, uova, pancetta o guanciale. La salsa di pasta tradizionale da Amatrice, chiamato Amatriciana, è fatta con cipolle saltate nel grasso di maiale, l’aggiunta di pomodoro e spezie .

Le salse sono in genere servite con tagliatelle pasta lunga come spaghetti e fettuccine.

Nel Lazio, il riso è usato per fare supplì, o riso palle, che sono simili agli arancini si trova nel sud Italia.

La carne bovina è la carne di scelta nel Lazio, ma agnello e capretto sono anche serviti. Coda alla vaccinara, o coda di bue brasato, è un piatto popolare romana. Al di fuori della città, e in particolare durante la primavera, si possono trovare abbacchio, o agnello, al forno, arrosto allo spiedo o preparati in fricassea.

Carne di maiale è anche usata per fare il Guanciale, , Ventresca, carne guarito pancia, Mortadella di Amatrice, salsicce, lardo e prosciutto. Spesso i salumi sono piccanti, ma sono sempre saporiti.

Gran parte del pesce consumato nel Lazio proviene dal fiume Tevere e il lago di Bolsena.

In termini di produzione lattiero-casearia, il Lazio è famoso per il pecorino, ma anche mozzarella di bufala.

La ricotta romana è deliziosa ed è usata in molti dolci e ripieni. Il terreno ricco produce ottimi carciofi ma anche cavolfiori, fave, piselli e le rinomate lenticchie di Onano.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche
Leggi anche