Galatina, cosa vedere nella città pugliese nel Salento

Cosa vedere nella città salentina di Galatina, in Puglia.

Una città nel cuore del Salento interessante da visitare è Galatina, nella provincia di Lecce, ma cosa vedere? Una guida ai luoghi più affascinanti da visitare tra antichi monumenti, luoghi di culto e scorci spettacolari.

Galatina: cosa vedere

La città pugliese di Galatina sorge nella provincia di Lecce, in Puglia, nel cuore del Salento.

Si tratta di una città storica, le cui origini risalgono ben prima del 1178, anno in cui viene citato il “casale Sancti Petri in Galatina” in un documento. Infatti, secondo la tradizione l’apostolo san Pietro si fermò in questa città lungo il suo viaggio da Antiochia a Roma. Tuttavia, solamente dopo l’Unità d’Italia, nel 1861, la città riprese il suo nome originario di Galatina.

Nel centro storico si concentrano importanti monumenti storici appartenenti ad epoche antiche e diverse.

Passeggiare tra le sue strade permette di respirare l’atmosfera tipica del Salento unita alla tradizione e alla storia della città.

Vediamo, quindi, quali sono i monumenti e le attrazioni più interessanti da scoprire a Galatina.

Basilica di Santa Caterina d’Alessandria

L’imponente Basilica di Santa Caterina d’Alessandria è uno dei più importanti monumenti dell’arte romanica pugliese e gotica della regione. Situata nel cuore del centro storico di Galatina, la Basilica si erge dal lontano 1369 e 1391.

A rendere unica la Basilica è il suo interno, caratterizzato da uno splendido ciclo di affreschi che si sviluppa da sinistra a destra. Lungo le pareti della prima campata e in controfacciata sono affrescate le Scene dell’Apocalisse, che costituiscono il ciclo più vasto di tutta la chiesa.

Seguono le Storie della Genesi e i Sette Sacramenti. Nella terza, invece, sono rappresentate le Gerarchie Angeliche nella volta, mentre le Storie della Vita di Cristo, sulle pareti.

Basilica di Santa Caterina d'Alessandria

Torre dell’Orologio

Un punto di riferimento storico della città di Galatina che spicca nel centro storico è la Torre dell’Orologio. La torre fu edificata dopo l’Unità d’Italia, ed è dedicata a Vittorio Emanuele II, re d’Italia.

Oggi, la torre ospita la sede dell’Ufficio Informazioni Turistiche.

Le tre porte

Un tempo protetta da una cinta muraria, Galatina mantiene la memoria del passato grazie alle porte della città rimaste.

Porta Luce si erge sull’omonima via e prende il nome dalla vicina chiesa e santuario della Madonna della Luce. Sull’arco a tutto sesto si trova lo stemma della città.

La seconda è Porta Nuova, anche nota come Porta San Pietro poiché è sovrastata dalla statua del santo.

Infine, l’ultima porta è la Porta Cappuccini, anche conosciuta come Porta San Giorgio. Questa permetteva ai frati di raggiungere attraverso lo stretto vicolo il Monte della Pietà.

porte

Scritto da Ilenia Albanese
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Assisi, Natale 2020: la magia della città di San Francesco

Namibia: le più belle attrazioni da visitare

Leggi anche
  • Zungri cosa vedereZungri: cosa vedere nel paesino calabrese

    Cosa vedere nel piccolo paesino calabrese di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, e nei dintorni.

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • Loading...
  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

  • Zibello cosa vedereZibello: cosa vedere, cosa fare e cosa mangiare

    Cosa vedere nel meraviglioso borgo di Zibello, in Emilia-Romagna, e le specialità da gustare.

Contents.media