Langhe: cosa vedere in inverno

Langhe, cosa vedere in inverno

Scopriamo le Langhe, territorio dichiarato patrimonio dell’umanità, culla di arte, storia, cultura ed enogastronomia.

Langhe, territorio patrimonio dell’umanità

La regione è il Piemonte, i paesaggi sono fatti da colline diventate culla di storia, di arte, di cultura e di enogastronomia.

“Una dimensione” più che un luogo, dove perdersi per poi ritrovarsi nella semplicità delle cose autentiche. Il nome deriva dalla sinuosità delle forme che le distese assumono: nel dialetto piemontese infatti langhe significa “lingua”. Il primo consiglio per visitarle è quello di regalarvi la lentezza, solo cosi potrete godere appieno di questo territorio che, nel 2014, durante la riunione del Comitato del Patrimonio Mondiale che si è tenuto a Doha in Quatar, i Paesaggi Vitivinicoli di Langhe-Roero e Monferrato sono stati inseriti nel Patrimonio Mondiale dell’Umanità da proteggere e da preservare, per “il valore universale del tipico paesaggio culturale piemontese”.

Langhe, cosa vedere in inverno

Sono in tanti a pensare che, nonostante la bella stagione, il periodo migliore per apprezzare le Langhe sia proprio l’inverno. Castelli, borghi, distese di vigneti, assumono connotazioni uniche che la stagione fredda mette in evidenza e riesce a trasmettere in maniera più decisa. Le colline imbiancate, le rinomate cantine da visitare, i percorsi enogastronimici, odori, colori e sapori esplodono e catturano.

I percorsi enogastronomici

Se avete scelto le Langhe come destinazione per trascorrere qualche giorno in tranquillità, non potete perdere le eccellenti degustazioni proposte durante le visite alle cantine che producono vini rinomati come Nebbiolo, Moscato, Chardonnay, Freisa, Bracchetto, Arneis, Barolo, Barbera, Dolcetto, Bonarda. Vini che potrete trovare solo nelle Langhe, per il Terroir unico, ricco di storia vinicola e di storia naturalistica. Tra le numerose consigliate, la Locanda San Giorgio, che vi accoglierà con calore, sapori della tradizione e degustazioni eccellenti.

I piatti da non perdere

La tradizione culinaria non vi lascerà delusi: re della zona, il tartufo bianco d’Alba che troverete in patti tipici come la fonduta piemontese e i tajarin. Imperdibile la battuta al coltello di Fassone piemontese, il Brasato al Barolo e il Vitello tonnato. Lasciate uno spazio per la Bagna Cauda, piatto gustoso del territorio piemontese.

Natale per le Langhe

Borghi decorati, eventi a tema, atmosfere natalizie come nella più fedele ricostruzione da film, una festività meravigliosa da trascorrere nelle Langhe, in particolare nel meraviglioso Govone, denominato appunto magico paese di Natale per il famosissimo presepe vivente di Dogliani e il suggestivo sentiero dei presepi nel bosco di Pocapaglia.

Scritto da Elena Mascia
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Cosa vedere e dove andare a Colmar per Natale

La “Vera Pizza Napoletana”: luoghi imperdibili dove mangiarla a Napoli

Leggi anche
  • Zungri cosa vedereZungri: cosa vedere nel paesino calabrese

    Cosa vedere nel piccolo paesino calabrese di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, e nei dintorni.

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • Loading...
  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

  • Zibello cosa vedereZibello: cosa vedere, cosa fare e cosa mangiare

    Cosa vedere nel meraviglioso borgo di Zibello, in Emilia-Romagna, e le specialità da gustare.

Contents.media