Lingua catalana: tutto quello che devi sapere

Ci sono più di nove milioni di persone nel mondo che sanno parlare il catalano. Ecco tutto ciò che dovresti sapere su questa lingua!

Imparare a conoscere la lingua catalana e scoprire come è diversa dallo spagnolo ti fornirà informazioni chiave sulla storia, le abitudini e l’umorismo della gente del posto. Chiunque abbia trascorso un po’ di tempo in Catalogna saprà che “Hablar español?” non è il modo migliore per conoscere la gente locale e le sue abitudini.

Circa nove milioni di persone nel mondo parlano catalano

Ci sono più di nove milioni di persone nel mondo che sanno parlare il catalano, e più di quattro milioni lo parlano come lingua madre, secondo i dati del censimento ufficiale. Il catalano è parlato nativamente in alcune parti della Spagna (in Catalogna, Valencia e nelle Isole Baleari), Francia (nella zona dei Pirenei Orientali), Andorra e anche in Italia. Tra coloro che lo parlano nativamente, quasi tutti sono bilingui, parlando il francese, lo spagnolo (Castellano) o l’italiano oltre al catalano, a seconda di dove vivono.

Il catalano è talvolta più simile al francese che allo spagnolo

Anche se il catalano, lo spagnolo, il francese, l’italiano, il portoghese e molte altre lingue europee hanno le loro origini nel latino (queste sono conosciute come lingue romanze), ognuna si è evoluta a modo suo. Tuttavia, nonostante sia parlato principalmente nell’attuale Spagna, il catalano condivide molte più somiglianze con la lingua della vicina Francia. Per esempio, la parola catalana per mattina è matí e l’equivalente francese è matin, mentre l’equivalente spagnolo è mañana.

Le origini della lingua catalana differiscono da quelle dello spagnolo

Lo spagnolo come lo conosciamo noi è stato profondamente influenzato dall’arabo, come risultato della conquista moresca dell’VIII secolo. Di conseguenza, molte parole usate oggi in spagnolo sono state importate direttamente dall’arabo o ne sono state pesantemente influenzate. Hai mai notato quante parole spagnole iniziano con ‘al’? È semplicemente la parola araba per ‘il’. Per esempio, lo spagnolo albóndiga (che significa ‘polpetta’) si crede derivi dall’arabo al-bunduqa, che significa ‘la palla’.

Lingua catalana curiosità

Anche il catalano è stato influenzato dall’arabo, ma non si è evoluto con la stessa tendenza ad aggiungere il prefisso arabo ‘al’ ai suoi sostantivi. Per esempio, la parola spagnola per ‘carciofo’ è alcachofa, mentre l’equivalente catalano è carxofa. La parola spagnola per ‘cotone’ è algodón, e l’equivalente catalano è cotó.

Ora che conosci le origini del catalano, sei pronto ad affrontare un meraviglioso tour all’insegna dell’arte e della cultura.

Altre cose che devi sapere sulla lingua catalana

  • Ci sono ben sei dialetti in catalano
  • La Renaixença, una rinascita culturale del catalano
  • Il catalano è stato vietato in Spagna fino al 1975
  • Il catalano è l’unica lingua ufficiale di Andorra
Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

La Valle d’Itria e le sue bellezze

Le città più belle della Toscana, Italia: arte e cultura

Leggi anche
  • Weekend romantico a Cesky Krumiov in Repubblica CecaWeekend romantico a Cesky Krumlov in Repubblica Ceca
  • Weekend a Palermo la migliore guida turisticaWeekend a Palermo: la migliore guida turistica

    Da Piazza Pretoria sino al Duomo di Monreale, Palermo offre tantissimo da vedere in un weekend.

  • Loading...
  • castello estenseVisitare Castello estense Ferrara con bambini
  • castello gropparelloVisitare Castello di Gropparello con bambini
  • Basilica di Santa Maria Novella di FirenzeVisita e informazioni sulla Basilica di Santa Maria Novella di Firenze

    Tutte le informazioni sulla famosa Basilica di Santa Maria Novella di Firenze, quando visitarla e cosa vedere.

Contents.media