Nosy Be: escursioni per osservare le balene in luoghi da sogno

Tutte le informazioni sulle escursioni per ammirare le balene sull'isola di Nosy Be, al largo del Madagascar.

Sull’isola di Nosy Be si possono ammirare e osservare le balene in luoghi suggestivi con escursioni che attraversano i luoghi più selvaggi dell’isola. Un’esperienza da sogno a contatto con la natura in uno dei posti più incredibili del mondo.

Nosy Be: escursioni e balene

Nosy Be o Nossi-bé è una incantevole isola situata poco al largo della costa nordoccidentale del Madagascar. Appartiene alla provincia di Antsiranana, il suo nome significa letteralmente “grande isola“. Storicamente, all’isola furono attribuiti diversi nomi nel corso dei secoli. Infatti, all’inizio del periodo coloniale, nel XVII secolo, l’isola veniva chiamata Assada. Nomi malgasci sono stati anche Nosy Manitra o “isola profumata” e Antsirambazaha.

Advertisements

L’isola, di origine vulcanica, è il punto ideale per ammirare lo spettacolo della natura, così come le balene di passaggio.

Vi sono, infatti, dei punti attorno all’isola ottimi per l’avvistamento. Si tratta di escursioni in barca, in catamarani o giri in canoa. Vediamo come funzionano queste fantastiche esperienze.

balene

L’esperienza

Uno dei motivi che spinge i turisti a visitare il Madagascar è proprio la ricca fauna del posto, che conta oltre centomila specie animali. Tra questi, il più incredibile e suggestivo da osservare è la balena. Infatti, le megattere raggiungono le vicinanze dell’isola di di Nosy Be per accoppiarsi e far nascere i loro balenotteri lungo le coste nordest.

Ogni anno tra i mesi di giugno e settembre, le megattere migrano al largo delle coste del nordovest di Madagascar e possono essere ammirate in piccoli gruppi.

Si tratta, infatti, di piccole imbarcazioni che permettono di osservare questi impressionanti mammiferi marini che arrivano in centinaia.

Infatti, dopo aver trascorso la metà dell’anno a nutrirsi, le megattere lasciano le coste polari dell’Antartide per raggiungere le acque tropicali del Madagascar. Sono divisi in due gruppi, uno andrà fino alla costa occidentale a Nosy Be, mentre l’altro raggiungerà la costa orientale di Ile Sainte Marie e la baia Antongil.

Nosy Be

L’escursione

Un’esperienza speciale che crea un legame forte con la natura, in cui il turista diventa un mero spettatore dello spettacolo che si apre davanti agli occhi.

Ci si imbarca tra le coste di Nosy Be per vivere una giornata ricca in emozioni. La mattina è dedicata all’avvistamento sull’acqua delle squalo-balene. Il pomeriggio, invece, è dedicato al relax. Sarà, infatti, possibile praticare snorkeling con le tartarughe verdi di mare e ammirare il vivace fondo marino.

Scritto da Ilenia Albanese
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Isola San Giorgio, Venezia: come arrivare e informazioni

Viaggio in barca a vela in Croazia: cosa vedere

Leggi anche
  • Zungri cosa vedereZungri: cosa vedere nel paesino calabrese

    Cosa vedere nel piccolo paesino calabrese di Zungri, in provincia di Vibo Valentia, e nei dintorni.

  • paesi zona rossa coronavirusZona rossa: i paesi da vedere dopo l’emergenza Coronavirus

    Paesi della zona rossa colpiti dal Coronavirus: quali sono e cosa visitare dopo l’emergenza?

  • zona del barolo cosa vedereZona del Barolo: cosa vedere tra i comuni

    La zona del Barolo, in Piemonte, è ricca di luoghi incantevoli: la guida a cosa vedere.

  • ziplineZipline, le più adrenalitiche in Italia

    Zipline, una delle attività più adrenaliche e accessibili in tutta Italia.

  • 
    Loading...
  • Zibello cosa vedereZibello: cosa vedere, cosa fare e cosa mangiare

    Cosa vedere nel meraviglioso borgo di Zibello, in Emilia-Romagna, e le specialità da gustare.

Contents.media