Guida agli incredibili nuraghi della Sardegna: storia e cultura

Questa guida agli incredibili nuraghi della Sardegna vi condurrà in alcune delle migliori località per visitare queste strutture enigmatiche.

Conoscete i meravigliosi nuraghi della Sardegna? L’isola ospita un’incredibile storia segreta: ci sono più di 7.000 strutture preistoriche in pietra chiamate nuraghi di cui si sa ben poco. Queste misteriose società nuragiche dell’età del bronzo crearono villaggi ben progettati con templi, fortezze e tombe tra il 1800 a.C.

e il 500 a.C.

Questa guida agli incredibili nuraghi della Sardegna vi condurrà in alcune delle migliori località dell’isola per visitare queste strutture enigmatiche.

Guida agli incredibili nuraghi della Sardegna

Su Nuraxi (Barumini)

Questo luogo, ben conservato, è l‘unico sito dell’isola dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO. Su Nuraxi è il termine sardo che significa Il Nuraghe. Questo sito è uno dei più intatti, con più di 30 torri a forma di alveare, alcune con più livelli e stanze separate.

Gli studiosi ritengono che questo luogo sia stato abitato dal 1500 a.C. al VII secolo d.C.. Data la grande importanza del complesso, il sito richiede una visita guidata con biglietto d’ingresso ed è aperto sette giorni su sette. Vi sono anche un museo e un centro culturale che esplorano e spiegano ulteriormente il sito.

Santu Antine (Torralba)

La torre di Santu Antine è uno dei nuraghi più grandi della Sardegna.

È intitolata a San Costantino e fu occupata già in epoca romana. La torre principale, originariamente a tre piani, è circondata da tre torri più piccole, tutte collegate da mura fortificate. Sono ancora visibili parti della scala che portava ai piani superiori. Questo sito è chiuso solo il 25 dicembre e il 1° gennaio e richiede un biglietto d’ingresso.

Losa (Abbasanta)

Il nome di questo insieme di pietre e strutture significa il popolo che ha l’acqua. C’è una massiccia struttura a forma di cuneo circondata da una serie di torri più piccole. Ciò che rende questo sito diverso da molti altri è la mancanza di un cortile interno. Il sito archeologico di Losa è aperto tutto l’anno e richiede un biglietto d’ingresso.

nuraghi Sardegna guida

Nuraghe Arrubiu (Orroli)

Questo sito è composto da cinque torri principali e 16 torri secondarie sparse su un ettaro di terreno ed è uno dei più grandi dell’isola. Il nome Nuraghe Arrubiu significa nuraghe rosso e probabilmente deriva dal colore delle pietre utilizzate per costruire le strutture. Dopo essere stato abbandonato dal popolo nuragico, è rimasto in uso dall’epoca romana fino al Medioevo, con l’aggiunta da parte dei Romani di vasche per la produzione del vino. L’ingresso è a pagamento e le visite guidate sono su richiesta.

Leggi anche:

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Le migliori spiagge delle Bermuda: piccoli pezzi di paradiso

Le migliori cose da fare alle Bermuda: attività mozzafiato

Leggi anche
  • Weekend gourmet a Ogliastra in SardegnaWeekend gourmet a Ogliastra in Sardegna
  • Weekend vendemmia FranciacortaWeekend di vendemmia in Franciacorta
  • Loading...
  • vacanza in salentoVivere appieno la propria vacanza in Salento

    Il Salento vanta una ricchezza impareggiabile di spiagge bellissime, ma anche di patrimoni culturali, di buona cucina e tradizione.

  • RomaVisitare Roma in una giornata: cosa vedere assolutamente

    Roma in 24 ore: ecco cosa non si deve assolutamente perdere anche se si hanno solo poche ore a disposizione nell’incantevole capitale italiana.

  • Visitare FirenzeVisitare Firenze in un giorno

    Viaggiare a Firenze: un breve itinerario che illustra le principali e le più belle tappe da percorrere e da scoprire nel capoluogo toscano, considerata una delle più belle città di Italia e del mondo.

Contents.media